{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}


COMUNICATO STAMPA

 

 

Mostra

L’Italia e gli Italiani

Nell’obiettivo dei fotografi Magnum

NAPOLI, GALLERIE D’ITALIA – PALAZZO ZEVALLOS STIGLIANO

30 marzo - 24 giugno 2012  Un progetto fotografico d’autore promosso da Intesa Sanpaolo nell’ambito di Progetto Cultura, in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia.


Napoli, 29 marzo 2012. L’Italia e gli Italiani. Nell’obiettivo dei fotografi Magnum, esposizione nata per rappresentare l’Italia contemporanea attraverso lo sguardo di grandi fotografi internazionali, unisce oggi idealmente il Paese con l’inaugurazione della seconda tappa a Napoli dopo il grande successo di Torino a Palazzo Reale.


La missione fotografica, che si è articolata nel corso di sei mesi, è stata affidata da Intesa Sanpaolo - in occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità di Italia - a nove autori della maggiore agenzia fotografica mondiale: Christopher Anderson, Harry Gruyaert, Mark Power, Mikhael Subotzky, Donovan Wylie, Richard Kalvar, Bruce Gilden, Alex Majoli, Paolo Pellegrin.


Ad ispirare il progetto, curato da Gianfranco Brunelli e Dario Cimorelli, il Grand Tour, il lungo viaggio nell’Europa continentale che ha rappresentato un momento imprescindibile nella formazione delle classi colte europee. In particolare il Viaggio in Italia, tra i monumenti della Roma antica, le rovine di Pompei ed Ercolano, tra Torino, Venezia, Firenze, Bologna, Napoli e la Sicilia, nella culla di una cultura e di un’arte tra le più affascinanti del Continente, era ritenuto un’esperienza indispensabile per l’educazione dei giovani europei.


Come a riprendere quest’antica e affascinante tradizione culturale, i nove grandi fotografi dell’Agenzia Magnum hanno ripercorso il nostro Paese per un reportage in chiave attuale e ce ne consegnano un’istantanea. Il risultato di questo lungo lavoro sono oltre 400 scatti del tutto inediti, esposti nella mostra allestita nella prestigiosa sede delle Gallerie d’Italia - Palazzo Zevallos Stigliano, polo museale di Intesa Sanpaolo a Napoli, con il patrocinio del Comune di Napoli.


L’Italia e gli Italiani non intende riproporre la ricostruzione nostalgica dei paesaggi, delle prospettive e delle vedute oramai inesorabilmente perdute, ma dare immagine alla vita dell’Italia e degli Italiani di oggi, un’occasione di riflessione sulla contemporaneità. Ha inoltre l’obiettivo di raccontare un paese che si è sempre presentato come un insieme eterogeneo di molti e diversi elementi, dove la storia e la contemporaneità si intrecciano, convivono, si oppongono, dove la tradizione si confronta con l’innovazione, le strutture urbanistiche con le nuove richieste sociali, il paesaggio con l’industria in un susseguirsi continuo di coerenze e contraddizioni, armonie e dissonanze.

Il viaggio fissa nella memoria un’immagine del paesaggio naturale e di quello artificiale, di luoghi e persone. Si tratta di un racconto che si snoda attraverso quelli che potremmo definire i depositi della memoria (i borghi, le città, le piazze, le biblioteche) e i nuovi luoghi d’incontro; le relazioni e le abitudini degli Italiani; il presente e il divenire; le marginalità sociali e le solidarietà; la ricerca e le menti.


Apre la rassegna Christopher Anderson che focalizza il suo obiettivo sul Mare, elemento in cui la penisola è immersa, e da cui provengono la storia e la civiltà dell’Italia. Donovan Wylie riflette sulle Nuove mura che delimitano i perimetri urbani, confini moderni rappresentati da tangenziali e viadotti, aree industriali e discariche, che segnano una realtà abitativa ormai completamente antropizzata. Insieme è il titolo della sezione di Richard Kalvar, che propone uno sguardo su ciò che unisce l’Italia, in termini di spazi condivisi e di gesti comuni in cui tanti si riconoscono: dalla compagnia dei nonni al Ferragosto in spiaggia, dal caffè al bar alla pizza. L’indagine di Mikael Subotzky si concentra sulle Nuove piazze, ovvero sui nuovi spazi di aggregazione - dai centri commerciali alle discoteche - che sembrano aver sostituito il centro della vita pubblica di un tempo: la piazza. Mark Power, nel reportage dedicato ai Luoghi della memoria, ripercorre le bellezze del Paese, che non a caso detiene il record mondiale di beni artistici dichiarati dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Bruce Gilden in Noi, gli altri sofferma le coscienze sulla vita delle persone “invisibili” che popolano reparti di cura, carceri, baraccopoli e mense dei poveri. La riflessione di Harry Gruyaert, intitolata L’artificiale, è condotta sul difficile equilibrio che la società contemporanea sta ricercando tra progresso e natura. Alex Majoli ricorda l’ingegno, il “saper fare” che nelle industrie come nei campi, nei laboratori come nelle manifatture, unisce competenza e creatività alla base del made in Italy. Conclude il racconto Paolo Pellegrin, con i ritratti di 150 giovani che rappresentano il futuro del Paese.


Nell’ambito di Progetto Cultura Intesa Sanpaolo ha dato vita alla rete delle Gallerie d’Italia, che comprende i poli espositivi di Napoli – dove è oggi ospitata la mostra – di Vicenza con Palazzo Leoni Montanari e del nuovo spazio espositivo di Piazza Scala inaugurato a Milano lo scorso novembre. La mostra - ad ingresso libero - è realizzata in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia nell’ambito di Progetto Cultura, l’ambizioso programma pluriennale di Intesa Sanpaolo che comprende un insieme di interventi ideati e curati dall’Istituto, destinati a valorizzare i beni culturali e artistici che costituiscono l’incomparabile ricchezza d’Italia. Progetto Cultura è caratterizzato da un approccio alla cultura che scaturisce dalla piena consapevolezza che il ruolo di un’impresa bancaria di rilevanza nazionale è quello di concorrere non solo alla crescita economica, ma anche, e inscindibilmente, a quella culturale e civile del Paese.


 

Le attività collaterali 

In occasione della mostra L’Italia e gli Italiani. Nell’obiettivo dei fotografici Magnum verranno proposte varie iniziative didattiche e culturali collegate all’esposizione.


Per l’intera durata della mostra, il sabato e la domenica alle 11 saranno offerte visite guidate gratuite al percorso espositivo; saranno inoltre dedicati alle scuole medie inferiori e superiori percorsi didattici gratuiti (su prenotazione ai numeri 00800 16052007 - 081 7811275).


Il 20 e il 21 aprile le Gallerie di Palazzo Zevallos Stigliano ospiteranno un convegno sul tema Il Viaggio a Napoli tra XVI e XIX secolo promosso dall’Università degli Studi di Napoli Federico II con la partecipazione di numerosi studiosi italiani e stranieri e di scrittori. Il convegno trova un collegamento ideale nella mostra: il tema del ‘viaggio a Napoli’, che emerge da molteplici fonti scritte e figurative, appare argomento fecondo di sviluppi in diversi ambiti disciplinari che concorrono a restituire l’immagine di Napoli nei secoli; dal Cinquecento - quando la città si trasforma in metropoli per il processo dell’inurbamento -, al Settecento - quando diventa meta del Grand Tour - all’Ottocento e fino, appunto, al Novecento, quando emergono i mali sociali e politici legati ai rivolgimenti politici, alla malavita, al Risanamento, ai conflitti bellici e al dopoguerra.


Sono inoltre previste ulteriori attività collaterali che verranno comunicate a mezzo stampa, nel sito dedicato www.italiaitaliani.com e nel sito delle Gallerie d’Italia di Palazzo Zevallos Stigliano www.palazzozevallos.com.


Il catalogo della mostra, a cura di Gianfranco Brunelli e Dario Cimorelli con testi di Marco A. Bazzocchi, Pippo Ciorra e Flaminio Gualdoni, è pubblicato da Silvana Editoriale.

 


Scheda Informativa

Mostra: L’Italia e gli Italiani. Nell’obiettivo dei fotografi Magnum
Curatori: Gianfranco Brunelli, Dario Cimorelli
Sede: Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano, Napoli
Durata mostra: 30 marzo – 24 giugno 2012
Presentazione stampa: giovedì 29 marzo ore 15.00
Napoli, Gallerie d’Italia
Palazzo Zevallos Stigliano
Via Toledo, 185
30 marzo - 24 giugno 2012
Orari:
Martedì - Domenica dalle 10,00 alle 18,00
Sabato dalle 10,00 alle 20,00
Lunedì chiuso
Sabato 31 marzo la mostra e le Gallerie di Palazzo Zevallos Stigliano saranno visitabili dalle ore 14,30
Domenica 8 aprile (Pasqua) dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 18,00
Lunedì 9 aprile aperto dalle 10,00 alle 18,00
Ingresso gratuito
Visite guidate gratuite
Sabato e domenica ore 11,00
Prenotazione 00800 16052007 - 081 7811275 negli orari di apertura delle Gallerie fino a esaurimento dei posti disponibili
Speciale scuole
Visite guidate gratuite per le scuole secondarie di primo e secondo grado Prenotazione 00800 16052007 - 081 7811275 negli orari di apertura delle Gallerie fino a esaurimento dei posti disponibili
L’ingresso al percorso espositivo al piano nobile di Palazzo Zevallos Stigliano - dove è esposto il Martirio di Sant’Orsola di Caravaggio - prevede l’acquisto del biglietto: intero € 4,00 - ridotto € 3,00 Ingresso gratuito
In occasione della mostra è previsto uno sconto del 10% al bookshop delle Gallerie d’Italia - Palazzo Zevallos Stigliano; del 20% per i correntisti e i dipendenti del Gruppo Intesa Sanpaolo.
Catalogo: Silvana Editoriale
Informazioni: www.italiaitaliani.com - www.palazzozevallos.com
Per le immagini ad alta definizione, si veda il CD allegato alla cartella stampa o si contattino gentilmente gli uffici stampa.


Contatti stampa:
UFFICIO STAMPA INTESA SANPAOLO
Antonella Zivillica, Responsabile Ufficio Media Public Finance/Attività Sociali e Culturali
tel. 06 67125312; stampa@intesasanpaolo.com
UFFICIO STAMPA INTESA SANPAOLO PROGETTO CULTURA
Novella Mirri e Maria Bonmassar
tel. 06 32652596; 335 6077971; 335 490311; ufficiostampa@novellamirri.it

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}