{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Adesione all’iniziativa “Abitare la cura”

covid coronavirus cure casa abitare la cura

Contributo di € 50.000 per sollevare le strutture sanitarie e le famiglie in alcune delle fasi più delicate della cura dei malati da Coronavirus.

Intesa Sanpaolo contribuisce con € 50.000 alla raccolta fondi “Abitare la Cura” avviata da L’Eco di Bergamo, Caritas diocesana e Confindustria Bergamo.

I proventi della raccolta saranno impiegati nella trasformazione di alcuni luoghi come hotel, case di riposo e case comunitarie in strutture in grado di accogliere i pazienti ospedalieri del territorio bergamasco che devono completare il periodo di isolamento domiciliare, secondo i protocolli sanitari della Regione Lombardia per l’emergenza Coronavirus.

Grazie all’aiuto di Intesa Sanpaolo e all’iniziativa “Abitare la cura”, gli ospedali di Bergamo e provincia saranno alleggeriti dalla pressione dell’ingente numero di pazienti affetti da Coronavirus che ha colpito il territorio, garantendo posti letto e cure adatte per tutti.

Questo intervento di Intesa Sanpaolo a favore della comunità di Bergamo si aggiunge ai € 350.000 già versati alla Fondazione ANA Onlus, per accelerare i tempi di realizzazione dell’ospedale da campo degli Alpini e ai  €100 milioni del protocollo siglato con la Protezione Civile per sostenere attività finalizzate a contenere e superare la diffusione del virus COVID-19.

{"toolbar":[]}