{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Donazione di €100 milioni alla Protezione Civile per l’emergenza Coronavirus

infermiera ricerca covid-19 coronavirus

Intesa Sanpaolo ha siglato un Protocollo di collaborazione con il Dipartimento della Protezione Civile e il Commissario Straordinario per l’emergenza Coronavirus per regolare la donazione di €100 milioni da parte della Banca per sostenere attività finalizzate a contenere e superare la diffusione del virus COVID-19.

Intesa Sanpaolo vuole unirsi agli sforzi del Paese per affrontare e superare questa emergenza, fornendo direttamente il proprio sostegno per contribuire in maniera significativa al potenziamento del Sistema Sanitario Nazionale.

Tra i primi interventi previsti c’è l’incremento di 2.500 posti letto di terapia intensiva. 

L’Italia si è trovata improvvisamente a far fronte a un'emergenza sanitaria senza precedenti e deve rafforzare rapidamente e in maniera significativa i presidi medici sul territorio. È questo l’obiettivo al quale Intesa Sanpaolo vuole concorrere con la donazione di €100 milioni, mettendo a disposizione la nostra solidità economica. Vogliamo confermare così quella che è sempre stata la nostra vocazione: rappresentare un elemento di forza per le comunità di cui siamo parte e quindi per il sistema Italia.

 

Questa sfida presenta l’opportunità per il nostro Paese di tirar fuori il meglio di sé; i medici e gli operatori sanitari stanno reagendo con comportamenti oggetto di plauso da parte di autorità internazionali e necessitano di tutto il nostro supporto. Sono convinto che, superata questa emergenza, l’Italia saprà ripartire con nuove energie e maggiore consapevolezza del ruolo che può giocare a livello globale.

 

Carlo Messina, CEO di Intesa Sanpaolo

{"toolbar":[]}