{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Cultura

La riscoperta del Polittico Griffoni

Uno dei maggiori capolavori del Quattrocento italiano, il Polittico Griffoni, opera di Francesco del Cossa ed Ercole de’ Roberti, ha una storia davvero straordinaria che sta per essere svelata. 

L’intero Polittico, composto da sedici pannelli che erano dislocati in nove musei del mondo, sta per essere finalmente esposto a Bologna per la prima volta da quando, nel 1725, fu smembrato e venduto. Le diverse tavole del Polittico Griffoni sono state ricongiunte nei mesi scorsi, a Palazzo Fava, grazie a Genus Bononiae. Musei nella città, per l’allestimento della mostra ‘La Riscoperta di un capolavoro’ di cui Intesa Sanpaolo è Main Sponsor.

L’esposizione è costituita da due parti: una sezione, curata da Mauro Natale, in collaborazione con Cecilia Cavalca, focalizzata sulla pala d’altare dedicata a San Vincenzo Ferrer, commissionata intorno al 1470-1472 da Floriano Griffoni al ferrarese Francesco del Cossa.  L’altra sezione, curata da Adam Lowe, Guendalina Damone e dal team della Fondazione, sull’operato di Factum Foundation e l'importanza delle tecnologie digitali nella tutela e condivisione del patrimonio culturale.

Tra le opere esposte anche due capolavori, San Pietro e San Giovanni Battista di Francesco del Cossa, restaurati nel programma Restituzioni, il grande progetto di mecenatismo moderno avviato da Intesa Sanpaolo trent’anni fa.

 L’esposizione avrebbe inaugurato a Bologna, presso Palazzo Fava, il 12 marzo scorso, ma a causa del lockdown dovuto all’emergenza sanitaria l’apertura è stata posticipata a lunedì 18 maggio.  

La storia del Polittico Griffoni è diventata anche un documentario che è stato trasmesso il 30 aprile su Sky Arte e che dal 1° giugno sarà disponibile on demand su Sky. Qui un estratto

Gli artisti, il contesto storico-culturale in cui nasce l’opera, la dispersione e il ricongiungimento a Bologna: il racconto dello speciale di Sky Arte ha permesso di seguire le fasi di imballaggio e riallestimento delle tavole, oltre che a narrare le vicende umane intrecciate nei secoli attorno al Polittico, accompagnandole con approfondimenti storico-artistici.

Sede della mostra: Palazzo Fava, via Manzoni 2, Bologna

Biglietto intero: 15 euro

Scontistiche:

• Dall’1° giugno al 14 giugno compresi, biglietto scontato a 12 euro per i correntisti Intesa Sanpaolo

• Per tutto il periodo della mostra, biglietto a 11 euro ai possessori del biglietto di una dei sedi museali di Gallerie d’Italia; per i possessori del biglietto della mostra La riscoperta di un capolavoro è previsto l’ingresso a Gallerie d’Italia a tariffa “ridotta”, a seconda delle diverse mostre in corso (indicazioni presenti sul sito Gallerie d'Italia).  

La mostra sarà accessibile solo su prenotazione

{"toolbar":[]}