{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD","clientIDSh":"9e04155b-dc20-4ad8-b40b-5d4c665631f2","signatureSh":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryptionSh":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyIDSh":"72a8b4f5-7fbb-427b-9006-4baf6afba018","userSh":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Cultura

Festival Pianistico di Brescia e Bergamo

Per la prima volta il Festival articolerà il proprio tema su due anni, concepiti come una grande antologia del Novecento

Dopo un’edizione monografica dedicata al genio di Chopin, la 59esima edizione del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo inaugura la prima parte di un programma biennale che ha come protagonista il Novecento, soprattutto nel periodo compreso tra la fine della Prima Guerra Mondiale e l’inizio della Seconda. Un biennio caratterizzato da importanti ricorrenze: nel 2022 il centenario della nascita del fondatore, il maestro Agostino Orizio, e nel 2023 la 60esima edizione e l’anno di Bergamo e Brescia Capitale italiana della Cultura.

Novecento Suite si apre con due concerti dedicati al ricordo di Agostino Orizio, fondatore del Festival, che sarà omaggiato da due grandi nomi internazionali: Martha Argerich e Arcadi Volodos, che si esibiranno rispettivamente il 19 aprile al Teatro Grande di Brescia e il 20 al Teatro Donizetti di Bergamo. Intesa Sanpaolo è Presenting Partner di entrambi i concerti.
Ai concerti inaugurali, a Bergamo il 28 aprile e a Brescia il 29, si alterneranno sul palco due pianisti molto cari al Festival: Alessandro Taverna e Alexander Romanovsky, diretti da Pier Carlo Orizio, con la Filarmonica del Festival.
In cartellone anche il grande pianista russo Grigory Sokolov, che nel corso della sua carriera si è esibito con le orchestre più importanti al mondo, prima di decidere di dedicarsi esclusivamente al recital per pianoforte e porterà nelle due città un programma a base di Beethoven, Brahms e Schumann.
Atteso l’arrivo di Hélène Grimaud, per anni pupilla di Claudio Abbado, e di Lucas Debargue, che con il suo Ravel ha lasciato il segno al XV Concorso Čajkovskij.
Annunciati i debutti di altri tre giovani pianisti: Alexander Gadjiev, che ha portato l’Italia sul podio dell’ultimo Concorso Chopin, la cino-americana Ying Li, vincitrice della prima edizione del Concorso Antonio Mormone e Josef Mossali, che si esibirà per la prima volta nella cornice del Donizetti l’8 giugno. Nell’ultima parte del cartellone ritornerà l’Orchestra della Toscana con solista Federico Colli. Completano poi il programma i recital di François-Joël Thiollier.
Intesa Sanpaolo è Main Partner del Festival Pianistico, in un viaggio musicale che ripercorrerà un ventennio di straordinaria freschezza musicale, che avrà per protagonisti Ravel, Rachmaninov, Debussy, Gershwin, Bartók, Stravinskij e molti altri.

Intesa Sanpaolo per la cultura

Ecco alcune recenti iniziative per la valorizzazione dei patrimoni d'arte, di storia e di cultura della banca e del Paese

{"toolbar":[]}