{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Acquisti verdi

L’attenzione di Intesa Sanpaolo nei confronti dell’ambiente, sancita nelle sue Regole in materia di politica ambientale ed energetica, si concretizza anche attraverso l’acquisto di "prodotti verdi", a basso consumo energetico e a minor impatto ambientale, così come maggiormente dettagliato nelle pagine relative agli impatti ambientali diretti.

Macchine d’ufficio

Nel settore bancario, una parte consistente dei consumi energetici è imputabile alle “macchine”: PC, monitor, stampanti, fotocopiatrici, server, sistemi IT e apparecchiature a supporto dei servizi. Un’azione mirata su tale tipologia di consumi ha riguardato la sostituzione progressiva delle macchine da ufficio con altre energeticamente più efficienti e l’adozione di  una specifica policy in materia.

Per i nuovi acquisti sono state definite specifiche contrattuali di sostenibilità ambientale e per la attestazione delle stesse vengono richieste certificazioni sia del prodotto che dell’azienda fornitrice. Per la valutazione tecnica è stato elaborato un algoritmo di valutazione delle prestazioni ambientali e energetiche mentre per la valutazione economica i costi di esercizio energetici vengono considerati per  periodo di vita media della macchina e si vanno a sommare al prezzo di investimento iniziale.

Insegne a basso consumo

La Banca ha da tempo attivato un piano di progressivo rinnovo delle insegne, utile anche alla riduzione dei consumi energetici. Le nuove tipologie utilizzate sono con tubi fluorescenti standard ad alta efficienza e materiali a migliore diffusione della luminosità. Dal 2010 sono state introdotte soluzioni a LED che riducono ulteriormente i consumi.

Carta e altri materiali green

La carta per una realtà come quella di Intesa Sanpaolo costituisce una risorsa sulla quale viene posta una particolare attenzione, espressa anche attraverso l’adozione di una policy specifica. Essere sensibili su questo tema indica consapevolezza della propria impronta ecologica e la volontà di adottare soluzioni per ridurre quanto più possibile gli impatti diretti e indiretti, sia sul versante dell’acquisizione della carta che su quello del suo utilizzo. Nel 2018 il quantitativo di carta riciclata o ecologica (carta certificata del tipo FSC, ECF/TCF e altri marchi) sul totale complessivo acquistato dal Gruppo, risulta essere superiore all’89%.

In Italia è proseguito nel 2018 l’acquisto di prodotti a marchio green per circa 45 tonnellate di prodotti di cancelleria. Si segnala in particolare l’acquisto di penne riciclate al 92%, di matite riciclate al 57% e certificate NF environment, di porta monete in PVC riciclato al 100%, di cartelle sospese in cartone riciclato e certificazione Blue Angel, di block notes in carta riciclata, di raccoglitori a tre bottoni in cartone riciclato 100% e di  timbri autoinchiostranti e datari saliscendi CO2 neutral.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"},{"label":"Richiedi bilanci","url":"/it/investor-relations/richiedi-bilanci","key":"business-budget"},{"label":"Calendario Finanziario","url":"/it/investor-relations/calendario-finanziario","key":"financial-calendar"}]}