{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Milano, 03 aprile 2002

L'Assemblea degli Azionisti del Banco di Chiavari e della Riviera Ligure (Gruppo IntesaBci), tenutasi oggi nella sede sociale in Chiavari, ha approvato in seduta ordinaria il bilancio dell'esercizio 2001, già anticipato alla stampa il 19 febbraio 2002 in occasione dell'approvazione del progetto di bilancio.

 

CONTO ECONOMICO
Nel 2001 è stato conseguito un utile netto di 17,5 milioni di euro, di poco superiore a quello realizzato nell'esercizio precedente (+0,34%).
La redditività della gestione caratteristica ha peraltro risentito dell'andamento non favorevole dei mercati che si è riflesso in modo particolare sui proventi connessi con i servizi di gestione e intermediazione e sui profitti da operazioni finanziarie.
Per quanto attiene ai singoli aggregati di conto economico, il margine di interesse ha evidenziato un aumento di 1,2 milioni di euro (+1,8%) riferibile allo sviluppo degli impieghi con clientela, in presenza di un differenziale tassi in riduzione.
Le commissioni e i proventi netti hanno fatto registrare una contrazione del 3,6%, attestandosi a 40,5 milioni di euro. Il calo delle commissioni attive per servizi di gestione e intermediazione, superiore al 15%, è stato parzialmente attenuato dai brillanti risultati conseguiti nei proventi su prodotti assicurativi, saliti di oltre il 68%. In significativa crescita sono risultate altresì le commissioni per rilascio garanzie (+22,8%) e, nell'ambito degli altri servizi, quelle riguardanti la componente collegata alla gestione dei conti correnti (+18%).
I profitti da operazioni finanziarie sono scesi da 6,3 a 4,5 milioni di euro, soprattutto in relazione ai minori utili realizzati dalla negoziazione di titoli. Nonostante che gli oneri e spese di gestione, sempre sottoposti a stretto controllo, siano diminuiti dell'1,2%, il risultato di gestione, pari a 36,4 milioni di euro, ha subito una contrazione di 1,3 milioni di euro (-3,4%).
L'onere rappresentato dalle componenti valutative relative ai crediti ed alle immobilizzazioni finanziarie è risultato pari a 6,1 milioni di euro contro 4,9 milioni nell'esercizio precedente; l'apporto della gestione straordinaria è stato di 1,2 milioni di euro.

 

STATO PATRIMONIALE
La raccolta diretta ha evidenziato un vivace dinamismo, soprattutto nella componente obbligazionaria, superando i 1.670 milioni di euro (+16,8% su base annua).
Per contro le consistenze della raccolta indiretta hanno registrato un arretramento, da 3.254,1 a 3.129,1 milioni di euro (-3,8%), attribuibile anche alla contrazione dei prezzi di mercato dei sottostanti titoli.
mezzi raccolti da clientela, pertanto, hanno sfiorato nel complesso i 4.800 milioni di euro contro 4.684,6 milioni a fine 2000 (+2,5%).
La dinamica degli impieghi si è mantenuta favorevole, sia pure in rallentamento dopo la forte crescita dei volumi conseguita nell'esercizio precedente; l'ammontare complessivo dei finanziamenti alla clientela è infatti salito a 1.420,3 milioni di euro, con una crescita del 9,7%.
Lo sviluppo dell'attività creditizia non ha pesato in termini negativi sulla qualità del credito; il complesso dei crediti classificati a sofferenza (18,4 milioni di euro) ha mostrato una sostanziale stabilità, mentre in diminuzione è risultato il rapporto sofferenze nette/impieghi (1,3% contro 1,4% a fine 2000).

***

L'Assemblea degli Azionisti ha deliberato la corresponsione di un dividendo di euro 0,20 per azione, con un aumento del 13,9% rispetto all'anno scorso (lire 340 pari a euro 0,1756). Il dividendo verrà messo in pagamento dal 18 aprile p.v. (data stacco 15/4/2002).

***

In seduta straordinaria infine l'Assembleaha modificato alcuni articoli dello Statuto sociale, principalmente per formalizzare l'appartenenza del Banco al Gruppo IntesaBci e per consentire l'adeguamento dell'assetto organizzativo al modello suggerito dalla Capogruppo.

***

Successivamente all'Assemblea si è riunito il Consiglio di Amministrazione che ha confermato, per il 2002, il Dottor Giovanni Tedesco alla Presidenza del Banco.

***

Al presente comunicato sono allegati gli schemi riclassificati di Stato Patrimoniale e di Conto Economico relativi all'esercizio 2001 contenuti nella Relazione sulla gestione.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}