{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Milano, 11 settembre 2002

Il Consiglio di amministrazione della Cassa di Risparmio di Foligno (Gruppo IntesaBci), presieduto da Denio D’Ingecco, ha esaminato la relazione semestrale al 30 giugno 2002 che ha evidenziato un utile netto di periodo pari a 2,5 milioni di euro (+ 40%).

 

In particolare, il risultato di gestione è pari a 6,5 milioni di euro, in crescita di oltre il 18% rispetto al primo semestre dell’anno precedente; la raccolta complessiva ha raggiunto i 1.364 milioni di euro, con una crescita della raccolta diretta del +7,7%. In crescita del 15% il risparmio gestito.

Gli impieghi alla clientela, al lordo delle rettifiche di valore, sono aumentati del 5,8%, posizionandosi a 549 milioni di euro.

 

La rete commerciale, attualmente composta da 33 filiali, verrà a breve potenziata con l’apertura dello sportello di Torgiano, in provincia di Perugia.

 

Pur nell’incertezza dello scenario macro economico, la banca confida di realizzare un risultato economico annuo sensibilmente superiore a quello dell’esercizio precedente, in linea con gli obiettivi programmati, grazie anche ad importanti progetti organizzativi in parte realizzati (adozione della nuova piattaforma informatica), in parte in via di conclusione (accentramento delle funzioni di back office).

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}