{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Milano, 09 settembre 2002

IntesaBci il maggiore Gruppo bancario italiano, e Lazard, una delle principali Investment Bank mondiali, hanno firmato oggi un accordo per la costituzione di una partnership strategica che svilupperà in Italia le attività.

Nella prima fase della costituzione della joint-venture – fase che si prevede si completerà nei primi mesi del 2003 – IntesaBci acquisirà il 40% di Lazard Italia, che continuerà a sviluppare con l’attuale nome le proprie attività, rimanendo parte strategicamente integrante del Gruppo Lazard.

Nel Consiglio di Amministrazione di Lazard Italia entreranno tre consiglieri del Gruppo Intesabci e altrettanti ne manterrà il Gruppo Lazard. Come Presidente e Amministratore delegato verranno confermati rispettivamente Gerardo Braggiotti e Arnaldo Borghesi.

Lazard Italia continuerà ad offrire servizi di advisory nelle attività di M&A, corporate finance and restructuring e di Primary Equity Capital Market per le aziende medie-grandi e per le istituzioni pubbliche. Per quanto riguarda queste attività, e in particolare per aziende di grandi e grandissime dimensioni IntesaBci e Lazard opereranno in Italia esclusivamente mediante Lazard Italia. Attraverso la joint-venture Lazard Italia opererà insieme con IntesaBci nel complessivo sviluppo delle sue attività di Corporate Banking.

IntesaBci e Lazard svilupperanno inoltre ulteriori accordi commerciali nel Private Equity in Europa, la distribuzione in Italia di prodotti di Asset Management di Lazard ed eventuali altre aree.

In relazione a questi accordi IntesaBci diventerà partner economico di Lazard attraverso un investimento di 100milioni di dollari in Lazard Italia e attraverso la sottoscrizione di un prestito obbligazionario convertibile Lazard per un controvalore di 150/200 milioni di euro al tasso di interesse del 3%.

La definizione delle operazioni è soggetta all’approvazione della Banca D’Italia e delle altre autorità competenti.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}