{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Milano, 24 febbraio 2003

Banca Intesa si propone sui mercati internazionali con una securitisation di mutui ipotecari residenziali “in bonis” per un totale di Euro 2.026.000.000. L’operazione, strutturata da Intesa come Sole Arranger e collocata da Caboto IntesaBci, Crédit Agricole e Morgan Stanley (Lead Managers e Bookrunners) si articolerà in quattro tranche. Qui di seguito i termini indicativi:

 

  • una tranche Classe A1 di Eur 405 milioni con rating Aaa (Moody’s) e AAA (Standard & Poor’s e Fitch Ratings) con scadenza legale 2023 e vita attesa di circa 1,5 anni, prezzo di emissione 100%, con cedola trimestrale a tasso variabile – Spread Euribor 3 mesi più 17 bps,
  • una tranche Classe A2 di Eur 1.519,6 milioni con rating Aaa (Moody’s) e AAA (Standard & Poor’s e Fitch Ratings) con scadenza legale 2023 e vita attesa di circa 4,6 anni, prezzo di emissione 100%, con cedola trimestrale a tasso variabile, – Spread Euribor 3 mesi più 28 bps,
  • una tranche Classe B di Eur 40,6 milioni con rating Aa2 (Moody’s) e AA (Standard & Poor’s e Fitch Ratings) con scadenza legale 2023 e vita attesa di circa  8,5 anni, prezzo di emissione 100%, con cedola trimestrale a tasso variabile, – Spread Euribor 3 mesi più 51 bps,
  • una tranche Classe C di Eur 60,8 milioni con rating Baa2 (Moody’s) e BBB (Standard & Poor’s e Fitch Ratings) con scadenza legale 2023 e vita attesa di circa 8,5 anni, prezzo di emissione 100%, con cedola trimestrale a tasso variabile. – Spread Euribor 3 mesi più 145 bps.

Condizioni comuni: Prezzo di riofferta: 100%. Data di pagamento e closing: 27/2/2003; Call “clean-up”: 10%. Legge Italiana.

 

IntesaBci Sec. 2 S.r.l, l’emittente dei titoli, è una società veicolo costituita ai sensi della Legge 30 aprile 1999, n. 130. I crediti oggetto della cartolarizzazione si riferiscono a circa 67.000 contratti di mutuo in bonis,  erogati prevalentemente nel Nord Italia (circa 76%).

 

Si tratta della terza operazione di cartolarizzazione di mutui fondiari per Banca Intesa, la seconda su mutui performing (dopo l’emissione del 2000) e, ad oggi, è la più grande cartolarizzazione di mutui residenziali performing mai effettuata nel sistema bancario italiano.

 

Tutte e quattro le tranche saranno quotate presso la Borsa del Lussemburgo ed accentrate su Montetitoli (anche per conto di Euroclear e Clearstream). I titoli potranno essere trattati sia sul mercato domestico che sull’Euromercato.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}