{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Milano, 16 aprile 2003

 

·        Dividendo di 1,5 centesimi di euro alle azioni ordinarie in circolazione e di 2,8 centesimi di euro alle azioni di risparmio, per un totale di 108 mln. di euro

·         A tutti gli azionisti distribuite 159 mln. di azioni proprie per un controvalore di oltre 300 mln. di euro



L’Assemblea ordinaria di Banca Intesa, riunitasi oggi sotto la presidenza di Giovanni Bazoli, ha approvato il bilancio dell’esercizio 2002, che si è chiuso con un utile netto di 12 milioni di euro. All’Assemblea è stato anche presentato il bilancio consolidato del Gruppo al 31 dicembre 2002, che ha registrato un utile netto consolidato di 200 milioni di euro.  


L’Assemblea ha approvato la distribuzione di un dividendo per azione di 1,5 centesimi di euro alle azioni ordinarie in circolazione e di 2,8 centesimi di euro alle azioni di risparmio per un totale di 108 milioni di euro, di cui 96 milioni  prelevati dalla riserva straordinaria. Al dividendo è attribuito il credito d’imposta “pieno” del 56,25%.


L’Assemblea ha anche approvato l’assegnazione gratuita a tutti i soci di 159.243.488 azioni ordinarie Banca Intesa in portafoglio della società nella misura di una azione ordinaria, godimento 1° gennaio 2003, ogni 40 azioni Banca Intesa ordinarie e/o di risparmio possedute, con contestuale riduzione della riserva azioni proprie in ragione di 2,049 euro per ogni azione assegnata, valore corrispondente a quello di carico unitario nel bilancio al 31 dicembre 2002.


Tenendo conto di tale valore di carico (2,049 euro), l’assegnazione ai soci delle azioni proprie equivale alla distribuzione di un dividendo complessivo unitario di 6,6 centesimi di euro per le azioni ordinarie e di 7,9 centesimi di euro per quelle di risparmio (in confronto a 4,5 centesimi e 8,0 centesimi, rispettivamente, del precedente esercizio), con un pay-out complessivo di 434 milioni di euro, rispetto ai 331 milioni di euro del precedente esercizio.


Il pagamento del dividendo e l’assegnazione delle azioni proprie avranno luogo a partire dal giorno 25 aprile 2003, con stacco cedole il 22 aprile.


L’Assemblea ha inoltre rinnovato per il triennio 2003-2005 il conferimento dell’incarico di revisione del bilancio alla società Reconta Ernst & Young S.p.A..


In sede straordinaria, l’Assemblea ha approvato il progetto di fusione per incorporazione in Banca Intesa S.p.A. di IntesaBci Formazione s.c.p.a. e la revoca della delibera assembleare del 17 dicembre 2002 limitatamente alla fusione per incorporazione in IntesaBci S.p.A. (ora Banca Intesa S.p.A.) di Immobiliare MARAM S.r.l.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}