{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Milano, 17 luglio 2003

E’ stato firmato ieri il contratto definitivo per la cessione a Cassa di Risparmio di Firenze e a Banca Carige dell’intero capitale sociale di Carinord 2, detenuto da Banca Intesa (41,14%), Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia (31,83%) e Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara (27,03%). Carinord 2 è la holding che controlla Cassa di Risparmio della Spezia e  Cassa di Risparmio di Carrara.

Banca Intesa cede l’intera partecipazione posseduta in Carinord 2 (41,14%) al prezzo di 115 milioni di euro in contanti, realizzando una plusvalenza di circa 30 milioni.

 

In particolare, Banca Intesa cede alla Cassa di Risparmio di Firenze il 24,68% del capitale sociale di Carinord 2 al prezzo di 69 milioni e a Banca Carige il restante 16,46% al prezzo di 46 milioni.

 

Con la cessione, realizzata congiuntamente alle Fondazioni Cassa di Risparmio della Spezia e Cassa di Risparmio di Carrara, decadono gli impegni assunti da Banca Intesa in sede di accordo originario con le medesime Fondazioni, che avrebbero comportato un ulteriore investimento di circa 300 milioni di euro.

 

L’operazione si inquadra nell’ambito della cessione delle attività non più strategiche e della razionalizzazione della presenza territoriale, che privilegia - dovunque possibile - la presenza diretta.

 

Il perfezionamento dell’operazione è soggetto all’approvazione delle autorità competenti.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}