{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Milano, 25 novembre 2004

Anche per la stagione 2004–2005 Banca Intesa insieme al Teatro alla Scala

Banca Intesa partner unico della serata inaugurale del
7 dicembre

Il Teatro alla Scala sta per tornare nella sua sede naturale del Piermarini. Si tratta di un evento che coinvolge nel profondo la città di Milano che ritrova uno dei simboli più amati della sua identità.

Anche in questa occasione Banca Intesa è al fianco della Scala nella piena consapevolezza del suo valore sociale e culturale. Banca Intesa, infatti, non solo ha confermato il suo ruolo di partner della stagione del ritorno al Piermarini ma è anche intervenuta direttamente a sostegno della serata inaugurale e delle iniziative di comunicazione volte a far conoscere le nuove possibilità di partecipazione alle attività del teatro da parte dei cittadini.

La partecipazione di Banca Intesa è in linea di continuità con un rapporto che da oltre un secolo ha visto insieme Banca e Teatro in diversi momenti e sotto diversi aspetti. Il tutto mai limitato alla semplice sponsorizzazione ma sempre come un riuscito e stretto legame tra due grandi istituzioni radicate nel territorio milanese e capaci di esprimere, nei rispettivi ambiti, la propria vocazione nazionale ed internazionale.

E’ questo un modo concreto per assicurare la partecipazione attiva di Banca Intesa alla vita del Paese, per contribuire al suo sviluppo economico, sociale, culturale e per assicurare un fecondo rapporto con le tante realtà con cui viene condivisa la crescita civile. In questa continua ricerca è possibile riconoscere l’aspirazione di Banca Intesa ad esprimere un’autentica cultura sociale, il senso di una cittadinanza che la porta a scelte ed interventi capaci di trasformarsi in contributo alla conoscenza, alla convivenza e allo sviluppo sociale.

Ma c’è un’ultima considerazione che va tratta da questa esperienza complessiva e, in particolare, dalla riapertura della Scala: la cultura resta una delle leve fondamentali della valorizzazione del nostro Paese a patto che su di essa convergano le risorse e le capacità organizzative e manageriali utili a guidarne e a regolarne la fruizione. E’ questa una delle grandi sfide per un nuovo sviluppo del nostro Paese. E Banca Intesa vi parteciperà con profonda convinzione.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}