{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Milano, 23 settembre 2005

Banca Intesa informa che alla controllata Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza il Commissario Straordinario del Gruppo Parmalat ha notificato una citazione con la quale, a titolo di risarcimento danni per preteso concorso all’aggravamento del dissesto del Gruppo Parmalat, si chiede il pagamento di un importo non inferiore a 700 milioni di euro, corrispondente all’ammontare delle anticipazioni complessivamente erogate a Parmalat a fronte di RIBA nel periodo compreso tra il 31 dicembre 1999 e la declaratoria di fallimento.

 

Il Gruppo Intesa contesta in toto il fondamento della pretesa ed è certo che l’Autorità Giudiziaria respingerà la domanda di Parmalat, riconoscendo l’assoluta correttezza e la legittimità del comportamento della Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza.

 

Pertanto il Gruppo Intesa ritiene che non ci saranno impatti sulla propria situazione economico-patrimoniale dovuti a tale pretesa risarcitoria, a fronte della quale prevede di non effettuare alcun accantonamento.


Investor Relations
+39.02.87943180
investorelations@bancaintesa.it

Media Relations
+39.02.87963531

stampa@bancaintesa.it


www.bancaintesa.it

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}