{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Milano, 15 dicembre 2005

Al via domani una campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e di raccolta fondi

All’iniziativa collaborano la Comunità di Sant’Egidio, Save the Children, CISP e  le associazioni Scout del Malawi.

"Per fermare l’emergenza c’è bisogno dell’aiuto di tutti. Unisciti a noi" è lo slogan della campagna che prende avvio da oggi sulla stampa italiana per sensibilizzare l’opinione pubblica e raccogliere fondi a favore di Project Malawi, un’iniziativa promossa da Banca Intesa e Fondazione Cariplo in collaborazione con numerose organizzazioni umanitarie, con l’intento di affrontare le più gravi emergenze che affliggono il piccolo stato africano, uno dei Paesi più poveri della Terra.  


Collaborano all’iniziativa:

  • la Comunità di Sant’Egidio, il movimento caritativo di ispirazione cristiana nato a Roma, operante in 70 Paesi del mondo, che sta realizzando anche nel Malawi il suo progetto DREAM (Drug Resources Enhancement Againts Aids and Malnutrition);
  • organizzazioni non governative come Save the Children, con una lunga esperienza sui temi dell’infanzia e dell’adozione a distanza;
  • il Cisp-Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli, attiva soprattutto nei progetti di microfinanza;
  • le associazioni Scout del Malawi, in qualità di agenzie educative diffuse sul territorio.

Il progetto, concepito nel quadro delle attività sociali di Banca Intesa, prevede un piano di ampio respiro e a lungo termine, con interventi in materia di sanità, in particolare per   l’educazione e la prevenzione sanitaria, soprattutto nella lotta all’Aids, uno dei principali flagelli del Paese; assistenza agli orfani; istruzione; sviluppo dell’economia locale.

Con la varietà degli interventi previsti, Project Malawi si propone l’obiettivo più generale di contribuire a stabilire nel tempo le condizioni perché le nuove generazioni possano tornare ad essere protagoniste dello sviluppo del proprio Paese.

Materiale informativo su Project Malawi e sulla raccolta fondi è disponibile presso le filiali e sul sito Internet di Banca Intesa www.bancaintesa.it 

Il Malawi, stato dell’Africa sub-sahariana, 12 milioni di abitanti con un’aspettativa di vita di soli 37 anni, vittima ricorrente di tragedie naturali come alluvioni e siccità con effetti devastanti sulla popolazione, è uno dei Paesi più poveri del mondo, con un reddito pro-capite di appena 3 euro al giorno. Una delle piaghe più gravi è l’Hiv/Aids: il Paese conta 900.000 sieropositivi; l’infezione, che nel solo 2003 ha causato 83.000 morti, colpisce il 15% della popolazione tra i 15 e i 49 anni (dati aggiornati al 2004) lasciando più di un milione di bambini orfani, mentre il 17% delle madri sono sieropositive e, ogni anno, sono 85.000 i parti a rischio trasmissione del virus.

Per sostenere la raccolta fondi Banca Intesa ha attivato il conto corrente n° 6000/29 intestato a Project Malawi Onlus, ABI 3069, CAB 05092 e il Numero Verde dedicato 800.616.161.

I clienti di Banca Intesa potranno inoltre dare il proprio contributo tramite il sito Internet www.bancaintesa.it, attraverso il servizio di banca telefonica e tramite gli sportelli ATM della banca.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}