{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Milano, 04 settembre 2006

Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intesa ha approvato oggi la modifica di alcuni termini e di alcune condizioni del contratto di compravendita firmato originariamente lo scorso febbraio da Banca Intesa e dall’azionista di controllo della banca ucraina Ukrsotsbank per l’acquisizione del controllo di quest’ultima. L’Ucraina e Ukrsotsbank, quarto istituto del Paese, rimangono determinanti per la realizzazione della strategia di presidio selettivo messa in atto da Banca Intesa nei mercati bancari dell’Europa centrale e sud orientale in rapida crescita.


In considerazione di una causa legale in corso negli Stati Uniti che coinvolge Ukrsotsbank, Banca Intesa e l’azionista di controllo di Ukrsotsbank hanno concordato di completare l’operazione non appena il caso in oggetto sarà stato risolto in via definitiva e in modo soddisfacente per Banca Intesa.


L’operazione prevede l’acquisizione dell’ 88,55% del capitale sociale di Ukrsotsbank, con un’opzione put per i venditori su ulteriori quote di minoranza fino al 100% del capitale sociale. La valutazione di Ukrsotsbank è stata aumentata di circa il 6,9% a 1.400 milioni di dollari (ovvero circa 1.090 milioni di euro), in considerazione dell’utile netto della banca ucraina nel primo semestre del 2006, significativamente superiore alle previsioni, e del sensibile ritardo rispetto all’originaria data di perfezionamento, attesa per il maggio scorso. Il perfezionamento è anche subordinato al rilascio delle necessarie autorizzazioni da parte delle autorità competenti in Italia e in Ucraina e al verificarsi delle usuali condizioni di perfezionamento.


Qualora il perfezionamento dell’operazione non dovesse avere avuto luogo entro il 31 marzo 2007, Banca Intesa e i venditori di Ukrsotsbank potranno porre fine all’accordo e ritenersi liberi di prendere in considerazione altre opzioni, compresa quella di una rinegoziazione dell’operazione. Banca Intesa e i venditori confidano di vedere soddisfatte le condizioni per la realizzazione dell’operazione entro i termini concordati e di poter procedere al perfezionamento della stessa.


Al 30 giugno 2006, i dati di sintesi di Ukrsotsbank, non sottoposti a revisione, evidenziavano un totale attivo di 2,5 miliardi di dollari, impieghi con clientela di 1,9 miliardi di dollari, raccolta da clientela di 1,8 miliardi di dollari, un patrimonio netto di 285,6 milioni di dollari e un utile netto per i primi sei mesi del 2006 di 29,6 milioni di dollari. Ukrsotsbank ha oltre 9.900 dipendenti e conta 518 sportelli su tutto il territorio nazionale.


Banca Intesa è gia presente nell’Europa centrale e sud orientale con primarie banche controllate operanti nel settore del retail e del commercial banking in Croazia, Slovacchia, Serbia, Ungheria, Bosnia-Erzegovina e Federazione Russa, che al 30 giugno 2006 avevano complessivamente - includendo Ukrsotsbank - un totale attivo di 24,2 miliardi di euro, oltre 6 milioni di clienti e quasi 1.300 sportelli.





Investor Relations
+39.02.87943180
investorelations@bancaintesa.it


Media Relations
+39.02.87963531
stampa@bancaintesa.it


www.bancaintesa.it

   
{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}