{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA

In data odierna Telco ha sottoscritto con Intesa Sanpaolo, Mediobanca, Société Générale e Unicredito un contratto di finanziamento di Euro 1,3 miliardi avente scadenza 31 maggio 2012 e garantito da pegno su azioni Telecom Italia. Pertanto, in linea con gli impegni dei soci di cui al comunicato stampa del 22 dicembre u.s., l’ammontare del prestito obbligazionario, che verrà sottoscritto da tutti i soci proporzionalmente alle quote di partecipazione in Telco entro il 25 marzo 2010, sarà di Euro 1,3 miliardi.

In attesa dell’emissione del citato prestito obbligazionario, il fabbisogno finanziario di Telco connesso con i debiti finanziari in scadenza, è stato coperto quanto a Euro 0,9 miliardi circa attraverso un finanziamento ponte dei soci Telefonica, Intesa Sanpaolo e Mediobanca e quanto ai residui Euro 0,4 miliardi circa da Intesa Sanpaolo e Mediobanca a titolo di finanziamento bancario ponte.

Nell’ambito del contratto di finanziamento di Euro 1,3 miliardi gli istituti finanziatori hanno concesso ai soci di Telco il diritto di acquisire le azioni Telecom Italia che dovessero entrare nella loro disponibilità a seguito dell’eventuale escussione del pegno. L’esercizio di tale diritto è stato disciplinato in un separato accordo integrativo dei patti parasociali vigenti.

Milano, 11 gennaio 2010

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}