{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

INTESA SANPAOLO RACCOGLIE 1,25 MILIARDI DI EURO SUI MERCATI INTERNAZIONALI CON
L’EMISSIONE DI ADDITIONAL TIER 1  

La domanda - superiore a € 5 miliardi - è risultata quadrupla rispetto all’importo emesso e per circa il 90% proveniente da
investitori istituzionali internazionali

Torino, Milano, 4 gennaio 2017 – Intesa Sanpaolo ha lanciato uno strumento di capitale aggiuntivo di classe 1 (Additional Tier 1) per € 1,25 miliardi destinato ai mercati internazionali.

L’Additional Tier 1, emesso su base stand alone, presenta caratteristiche in linea con la normativa "CRD IV".

L’Additional Tier 1 è perpetuo (con una scadenza pari alla durata statutaria di Intesa Sanpaolo) e può essere rimborsato anticipatamente dall'emittente dopo 10 anni dalla data di emissione e, successivamente, in ciascuna data di pagamento delle cedole.

L’emittente corrisponderà una cedola a tasso fisso annuale pari 7,75%, pagabile semestralmente in via posticipata l’ 11 gennaio e l’ 11 luglio di ogni anno, con il primo pagamento della cedola in data 11 luglio 2017.

Il prezzo di riofferta è stato fissato in 100%.

Il rendimento composto a scadenza è 7,90% annuo, equivalente al tasso mid swap in euro a 5 anni rilevato al momento dell’emissione maggiorato di uno spread pari a 719,2 punti base.
 
Nel caso in cui la facoltà di rimborso anticipato prevista per l’11 gennaio 2027 non venisse esercitata, verrà determinata una nuova cedola a tasso fisso sommando lo spread originario al tasso mid swap in euro a 5 anni da rilevarsi al momento della data di ricalcolo. Tale nuova cedola annuale resterà fissa per i successivi 5 anni (fino alla successiva data di ricalcolo). Come previsto dalla regolamentazione applicabile all’Additional Tier 1, il pagamento della cedola è discrezionale e soggetto a talune limitazioni.

Il trigger del 5,125% sul Common Equity Tier 1 (CET1) prevede che, qualora il coefficiente CET1 del Gruppo Intesa Sanpaolo o di Intesa Sanpaolo S.p.A. scendesse al di sotto di tale soglia, il valore nominale dell’Additional Tier 1 venga ridotto temporaneamente dell'importo necessario a ripristinarne il livello, tenendo conto anche degli altri strumenti con caratteristiche similari.

La data di regolamento è prevista per l’11 gennaio 2017.

Il taglio minimo è 200 mila euro e 1.000 euro a partire da tale valore.

Il titolo non è destinato al mercato retail italiano ma ad investitori professionali e ad intermediari finanziari internazionali e verrà quotato presso la Borsa di Lussemburgo oltre che nel consueto mercato “Over-the-Counter”.

I capofila incaricati della distribuzione dell’Additional Tier 1 sono Banca IMI, Barclays, BNP PARIBAS, Credit Suisse, Goldman Sachs International e HSBC.

I rating assegnati al debito a lungo termine senior di Intesa Sanpaolo sono: Baa1 da Moody’s, BBB- da Standard & Poor’s, BBB+ da Fitch e A (low) da DBRS.


La presente comunicazione non costituisce un’offerta o un invito a sottoscrivere o acquistare titoli. I titoli non sono stati e non saranno registrati ai sensi dell’ United States Securities Act of 1933 (come successivamente modificato) (the "Securities Act"). I titoli non possono essere offerti, venduti o distribuiti negli Stati Uniti o a U.S. persons (come definite nella Regulation S ai sensi del Securities Act) come parte della loro offerta iniziale. I titoli possono essere inizialmente offerti e venduti solo al di fuori degli Stati Uniti sulla base della Regulation S ai sensi del Securities Act e possono essere rivenduti solo in conformità con le leggi applicabili. Copie di questo annuncio non vengono preparate né possono essere distribuite o inoltrate negli Stati Uniti, in Canada, Australia o Giappone.

Questa comunicazione è diffusa e diretta solamente a (i) persone al di fuori del Regno Unito o (ii) persone che sono professionisti finanziari che rientrano nella definizione contenuta nell’Articolo 19(5) del Financial Services and Markets Act 2000 (Financial Promotion) Order 2005 (l’“Order”) e (iii) soggetti “high net worth entities” e altre persone alle quali possa essere legalmente comunicata, che rientrano nell’Articolo 49(2) commi da (a) a (d) dell’Order (tutti questi soggetti sono definiti come “soggetti rilevanti”). Le attività di investimento cui questa comunicazione si riferisce saranno rese disponibili e indirizzate esclusivamente a soggetti rilevanti. I soggetti che non sono soggetti rilevanti non devono considerare, o fare affidamento su, questa comunicazione o alcuno dei suoi contenuti.

 

 


 

Investor Relations
+39.02.87943180
investor.relations@intesasanpaolo.com

Media Relations
+39.02.87962326
stampa@intesasanpaolo.com


group.intesasanpaolo.com

 

 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}