{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

98° Rapporto Analisi dei Settori Industriali

Milano, 28 ottobre 2020. La Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo e Prometeia hanno presentato il 98° numero del Rapporto Analisi dei Settori Industriali. Il Rapporto si focalizza sull’impatto della crisi Covid sui livelli di attività dei settori manifatturieri italiani nel 2020 e sulle prospettive di recupero, delineando gli scenari di trasformazione dell’industria al 2022, soprattutto in ottica green.

A partire dai mesi estivi, l’industria manifatturiera italiana ha registrato un recupero intenso, dal punto di minimo del ciclo economico toccato in aprile, che tuttavia, in un quadro ancora fortemente incerto, non potrà impedire un calo del fatturato a consuntivo d’anno, anche in assenza di nuovi lockdown generalizzati.

Quali settori e quali imprese si presentano più resilienti alla crisi?

Quanto intenso sarà il recupero nel prossimo biennio?

Che ruolo avrà la transizione green?

Il Rapporto si propone di approfondire queste tematiche, delineando il quadro previsivo dell’industria manifatturiera italiana nell’orizzonte del 2022.

La parola agli economisti

Stefania Trenti e Ilaria Sangalli della Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo, insieme ad Alessandra Benedini e Claudia Sensi di Prometeia, hanno presentato il 98° Rapporto Analisi dei Settori Industriali.

Gregorio De Felice, Chief Economist della Direzione, ha introdotto e moderato l’incontro.

Presentazione

Presentazione

{"toolbar":[]}