{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Intesa Sanpaolo guarda alla Blockchain con un team "ad hoc"

L’esperienza di Intesa Sanpaolo nella blockchain è iniziata cinque anni fa e da questo ambito il Gruppo si attende risultati rilevanti nei prossimi anni. La blockchain è infatti una tecnologia che ha attratto da subito l’attenzione del mondo finanziario – e non solo – perché promette di garantire trasparenza e immutabilità delle informazioni e dei beni scambiati, consentendo una maggiore semplificazione ed efficienza nel lancio di nuovi modelli e servizi di business. Quando si parla di questa tecnologia, però, bisogna distinguere tra blockchain pubbliche e private: le prime sono aperte a tutti e chiunque può creare e validare le transazioni; le seconde, invece, sono reti dove solo attori identificati e autorizzati possono essere ammessi a partecipare agli scambi.

{"toolbar":[]}