{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

 

 


COMUNICATO STAMPA

 

 


Milano, 3 luglio 2012 - Intesa Sanpaolo, in relazione alle recenti notizie di stampa riguardanti indagini della Procura della Repubblica di Biella su presunte irregolarità fiscali commesse dalla Cassa di Risparmio di Biella e Vercelli quando faceva parte del Gruppo, sottolinea che si tratta di operazioni effettuate nel 2006 ritenute dai competenti uffici dell’Istituto pienamente rispettose delle norme civili e fiscali vigenti. 

Intesa Sanpaolo, come consuetudine, è a disposizione della Magistratura per fornire ogni possibile chiarimento. Intesa Sanpaolo inoltre ricorda che la contestazione fiscale in questione rientra tra quelle già definite con l’Agenzia delle Entrate, delle quali si è data informativa anche nella Nota integrativa consolidata 2011; alla definizione delle predette controversie si è pervenuti, pur nella convinzione della correttezza del proprio operato, in ragione dell'inopportunità di coltivare procedure contenziose defatiganti ed onerose.

 

 

 

 

 

 

Intesa Sanpaolo - Rapporti con i Media
Tel. 02.87963531
stampa@intesasanpaolo.com    

 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}