{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Accordo Comat: un esempio di finanza a beneficio di territorio e ambiente

Accordo Comat: un esempio di finanza a beneficio di territorio e ambiente. Una delle operazioni di riqualificazione più importanti d’Italia: oltre €100 mln di lavori per accelerare il processo di abbattimento della CO2

Intesa Sanpaolo ha sottoscritto con Comat Servizi Energetici (CSE) un accordo di collaborazione per offrire ai condomini gestiti da CSE la possibilità di utilizzare il Superbonus 110% e realizzare una radicale riqualificazione energetica che consentirà di abbattere 2.600 tonnellate di CO2 l’anno.

CSE ha già avviato lavori di efficientamento energetico che interesseranno un totale di circa 3.000 unità abitative in Piemonte, Liguria e Lombardia per un ammontare superiore ai €100 milioni dei quali Intesa Sanpaolo acquisterà il corrispettivo credito d’imposta.

La stima dei benefici economici che derivano da queste operazioni di riqualificazione sono pari a €1,3 milioni l’anno in termini di risparmio in bolletta (quasi €450 per famiglia) a cui si aggiunge il 30% circa di rivalutazione immobiliare.

Nel 2020, Intesa Sanpaolo è stata tra le prime banche ad attivare soluzioni finanziarie con cui privati, condomini e aziende hanno potuto beneficiare delle norme introdotte dal Decreto Rilancio sull’innalzamento al 110% della detrazione per le spese relative ad interventi di efficientamento energetico (Ecobonus) e di riduzione del rischio sismico (Sismabonus).

 

 

{"toolbar":[]}