{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Intesa Sanpaolo: Webecome combatte il disagio sociale dei bambini

Intesa Sanpaolo si impegna con un nuovo progetto per favorire la prevenzione e il contrasto di fenomeni di disagio sociale dei bambini tra i 6 e i 10 anni. Questo è l’obiettivo di Webecome presentato a Milano alla presenza del Ministro per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca Marco Bussetti e del Presidente di Intesa Sanpaolo Gian Maria Gros-Pietro. Webecome è una piattaforma formativa online gratuita (www.webecome.it) con oltre 150 materiali di approfondimento per 1.300 ore di formazione secondo tre percorsi paralleli, uno destinato agli insegnanti, uno ai dirigenti scolastici e uno ai genitori. Il progetto vedrà un ruolo attivo degli Uffici scolastici regionali (USR) del Ministero dell’Istruzione per diffondere l’applicazione di Webecome nelle scuole.

“Una piattaforma aperta, gratuita, sempre disponibile al servizio di insegnanti e famiglie”

“Combattere il disagio giovanile è uno dei compiti della scuola, soprattutto in tempi come i nostri, in cui, paradossalmente, siamo tutti costantemente collegati in rete ed è tanto più facile sentirsi soli e disorientati, soprattutto se si è ragazzi o bambini” ha dichiarato il Ministro Bussetti. “Adempiere a questo compito è una delle mie priorità, fin dal mio primo giorno come Ministro. Per questo, considero molto utili e apprezzabili progetti come la piattaforma Webecome. Un’iniziativa per la Scuola primaria che punta a mettere in connessione studenti, docenti, genitori, dirigenti scolastici, esperti in campo pedagogico, clinico e comportamentale, per potenziare e diffondere le migliori pratiche di prevenzione e contrasto del disagio, fin dall’infanzia. Mi congratulo e ringrazio Intesa Sanpaolo per aver realizzato un’idea che coincide con la mia visione dell’istruzione e che, inoltre, sposa in pieno un altro concetto base del mio mandato, quello dell’alleanza virtuosa tra scuola e nuove tecnologie”.

{"toolbar":[]}