{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

StudioSi: prestito di impatto per promuovere lo studio universitario al Sud

Immagine di una ragazza che seleziona un libro dagli scaffali di una biblioteca universitaria

Intesa Sanpaolo ha attivato il Fondo StudioSì, un finanziamento di impatto a tasso zero che può essere utilizzato per coprire tasse universitarie e altre spese connesse allo studio.

Possono accedere al Fondo StudioSì gli studenti che risiedono in otto regioni del Sud Italia(*) e gli studenti che risiedono in altre regioni e che vogliono frequentare un Ateneo o una Scuola Specialistica nel Mezzogiorno e che nell’anno accademico 20/21 frequenteranno gli ultimi due anni di laurea a ciclo unico, i corsi di laurea magistrale, master e scuole di specializzazione, presso qualsiasi ateneo italiano o estero.

FondoSì non richiede alcuna garanzia e può arrivare a un massimo di €50.000 da restituire in un tempo massimo di 20 anni.

Per il Fondo StudioSì, Intesa Sanpaolo è partner finanziario della Banca Europea per gli Investimenti (BEI).

StudioSì si affianca a “per Merito”, il prestito avviato da Intesa Sanpaolo nel 2019 che ha già erogato €80 milioni di euro in logica impact a favore di oltre 7.000 studenti iscritti a tutti i corsi della formazione terziaria: triennale, specialistica, master, AFAM, ITS, università all’estero e, di recente, anche dottorati.

(*) Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia

{"toolbar":[]}