{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Governativi green ed emissioni per il 2020: le previsioni della Direzione Studi

sostenibilità, green bond, emissioni governative, corporate green

La Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo prevede prospettive di ulteriore espansione
per le emissioni governative green dell’area euro nel 2020. Nello Studio, datato 14 febbraio 2020, anche il ruolo della BCE a supporto di questo nuovo mercato.

Le emissioni di green bond dell’area euro hanno segnato un nuovo record nel 2019: l’ammontare emesso nel corso del 2019 ha raggiunto 170 miliardi di euro, +50% rispetto all’anno precedente e lo stock in circolazione di titoli green a livello globale era pari a 566 miliardi di euro a fine gennaio 2020. Il mercato appare in ulteriore forte crescita: nel solo mese di gennaio di quest’anno sono stati collocati sul mercato titoli per 20 miliardi di euro, pari al 75% di quanto emesso nel primo trimestre 2019.

Le emissioni green di titoli governativi rappresentano solo il 9% di tutto l’ammontare in circolazione e hanno una storia più recente, iniziata con la prima emissione da parte della Polonia nel dicembre 2016. Oggi, su un totale di 50 miliardi di euro di titoli governativi in circolazione a livello globale, 21 miliardi di euro sono rappresentati dall’OAT francese (emesso nel 2017 e successivamente riaperto sette volte), mentre 23 miliardi di euro sono costituiti dalle emissioni governative dell’Olanda, del Belgio, dell’Irlanda e della Polonia.

{"toolbar":[]}