{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Carlo Messina: 5 mosse per tagliare il debito pubblico

Ceo Carlo Messina Intesa Sanpaolo

In una intervista pubblicata oggi sul quotidiano Sole 24 Ore, il CEO di Intesa Sanpaolo Carlo Messina promuove un piano in cinque mosse per ridurre il debito pubblico e favorire la ripresa dopo-COVID.

«Necessario fare leva su bond sociali, rientro dei capitali dall’estero, valorizzazione del patrimonio pubblico, investimenti pubblici e nella green economy, impiego agevolato del Tfr in titoli pubblici esentasse. Garantire solo liquidità e sopravvivenza alle imprese non basta», dice Messina.

Il CEO di Intesa Sanpaolo condivide le scelte del governo per contrastare l’emergenza sanitaria, sostenere l’occupazione e garantire liquidità alle aziende: «L’utilizzo del debito pubblico… è una scelta obbligata».

Messina vorrebbe vedere l’aggiunta di finanziamenti statali a fondo perduto che non aumentano il debito sostenuto dalle imprese. «Per tenere in vita chi ha perso sei mesi di fatturato... è decisivo perché devono giocare una partita che va oltre l’Europa, sui mercati internazionali».

Attiviamoci oggi. Se ci pensiamo tra un anno sarà tardi

 

Carlo Messina, CEO di Intesa Sanpaolo

Vanno rilanciati interventi di solidarietà in soccorso dei più deboli

 

Carlo Messina, CEO di Intesa Sanpaolo

{"toolbar":[]}