{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Il Fondo di Beneficenza stanzia €1.000.000 alla ricerca scientifica sul COVID-19

ricerca scientifica coronavirus covid-19 fondo beneficienza intesa sanpaolo

Vogliamo far progredire la conoscenza sul Coronavirus e su come debellarlo. Il nostro sostegno alla ricerca scientifica si aggiunge alle rilevanti iniziative messe in campo da Intesa Sanpaolo in questo difficile momento del nostro Paese.

Gian Maria Gros-Pietro, Presidente di Intesa Sanpaolo

 

La donazione di 1 milione di euro alla ricerca scientifica sul Coronavirus è un gesto concreto che si inserisce nel quadro più ampio delle misure promosse dalla Banca a sostegno di clienti, famiglie e imprese sin dai primi giorni della diffusione del COVID-19.

Tramite il "Fondo di Beneficenza ed opere di carattere sociale e culturale", Intesa Sanpaolo può destinare una quota degli utili alla beneficenza e al sostegno di progetti che hanno come riferimento la solidarietà, l'utilità sociale e il valore della persona.

Dopo l’approvazione da parte dell’Assemblea della Banca fissata il prossimo 27 aprile, potranno essere erogati dal Fondo €14 milioni, di cui un milione di euro – pari al 16% del totale - sarà destinato a progetti di ricerca medica sul Coronavirus. 

Università ed enti di ricerca italiani riconosciuti potranno candidare i loro progetti secondo le procedure standard di accesso alle risorse del Fondo. I progetti saranno selezionati da una commissione di esperti con criteri definiti e trasparenti.

In un momento così difficile per l’Italia, destiniamo alla ricerca sul Covid-19 un milione di euro, una misura che si aggiunge alle donazioni alla sanità nazionale, al sostegno economico a privati e imprese, a iniziative di raccolta fondi per progetti meritori. La ricerca scientifica è sempre stata un campo di azione del Fondo di beneficenza e oggi vogliamo essere ancora più incisivi per favorire l’apprendimento di conoscenze che ci permettano di uscire dall’emergenza rapidamente e in modo duraturo. Orientare parte delle risorse a debellare il Coronavirus non significa tuttavia interrompere il sostegno a quei soggetti del terzo settore impegnati a restituire dignità alle persone e a garantire i diritti fondamentali che sono i tradizionali beneficiari del Fondo e a cui vorrei assicurare oggi continuità di intervento.

 

Gian Maria Gros-Pietro, Presidente di Intesa Sanpaolo

 

{"toolbar":[]}