{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Nasce IMI Corporate & Investment Banking

Il 23 giugno 2020 si è svolto l’evento di presentazione della nuova Divisione IMI Corporate & Investment Banking che nascerà al completamento dell’iter di fusione per incorporazione di Banca IMI in Intesa Sanpaolo, previsto nel mese di luglio.

L’operazione si realizzerà in completa continuità di business e consentirà di valorizzare l’esperienza di Corporate and Investment Bank (CIB) di Intesa Sanpaolo, che vanta un presidio internazionale di hub e filiali corporate presenti in 25 paesi nel mondo.

La nuova realtà intende sostenere e supportare fattivamente la ripresa economica del nostro Paese, con un modello di business unico e distintivo basato sulla relazione con i clienti ed elevate competenze specialistiche, per favorire il rafforzamento del presidio internazionale e offrire eccellenza sui prodotti di Capital Markets, Investment Banking e Finanza Strutturata.

L’integrazione di Banca IMI nella Capogruppo si inserisce nel contesto del Piano di Impresa 2018-21 di Intesa Sanpaolo quale motore chiave per la sua realizzazione. Già oggi, infatti, la banca d’investimento leader italiano indiscusso in ambito Capital Markets & Investment Banking, rappresenta un elemento significativo per il raggiungimento dei risultati di tutto il Gruppo.

Gaetano Miccichè, Mauro Micillo e Massimo Mocio saranno rispettivamente Chairman, Responsabile di Divisione e Responsabile di Global Markets & Investment Banking (Deputy della nuova Divisione).

Il “modello IMI” ha saputo coniugare nel tempo una profonda conoscenza del tessuto imprenditoriale italiano, un approccio innovatore al credito, con uno sguardo prospettico verso la crescita dimensionale e l’internazionalizzazione, costruendo un sistema di competenze, professionalità e best practice in grado di accompagnare e supportare il “sistema Italia”. Banca IMI è stata artefice di grandi casi imprenditoriali, storie di crescita e di risanamento, che l’hanno resa un’eccellenza a livello nazionale e un brand riconosciuto e apprezzato sui mercati internazionali. Queste operazioni hanno, infatti, consentito più in generale a tutta la Divisione CIB di portare un forte contributo ai risultati del Gruppo Intesa Sanpaolo diventando un benchmark per clienti e competitors. Oggi, l’integrazione di Banca IMI in Intesa Sanpaolo rappresenta l’ultimo tassello di un percorso di eccellenza e rafforza la vocazione del Gruppo nel supporto a imprese, pubbliche amministrazioni e istituzioni finanziarie.

Gaetano Miccichè, Presidente di Banca IMI

La nuova Divisione IMI Corporate & Investment Banking, affonda così le proprie radici nei valori che hanno reso Banca IMI un centro di eccellenza nei prodotti di Capital Markets, Investment Banking e Finanza Strutturata, valorizzando al contempo il modello unico e distintivo del CIB di Intesa Sanpaolo. Centralità della relazione con la clientela, copertura a livello settoriale, ulteriore espansione della presenza internazionale, saranno i capisaldi della nuova struttura che intende sostenere e supportare in maniera ancora più efficace la ripresa del nostro sistema economico e produttivo, affiancando la clientela corporate, la pubblica amministrazione e le istituzioni finanziarie in un momento delicato come quello attuale.

Mauro Micillo, Responsabile Divisione Corporate & Investment Banking di Intesa Sanpaolo e Amministratore Delegato di Banca IMI

Banca IMI si presenta all’appuntamento da tempo fissato per l’integrazione in Intesa Sanpaolo dopo aver conseguito il miglior risultato netto consolidato mai realizzato nella sua storia: oltre 1,4 miliardi di euro, in aumento del 76% rispetto all’anno precedente. Una crescita importantissima, che ha visto un’ulteriore conferma nel risultato netto consolidato registrato al 31 marzo di quest’anno, pari a 411 milioni di euro, in aumento del 71,1% rispetto allo stesso periodo del 2019. Un dato tanto più apprezzabile se contestualizzato in uno scenario mondiale scosso, sul finire del trimestre, dai primi effetti della pandemia da Coronavirus.

Massimo Mocio, Direttore Generale di Banca IMI

{"toolbar":[]}