{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Raccolta fondi oltre le aspettative per l’ospedale degli Alpini di Bergamo

medici nell'ospedale da campo degli alpini a bergamo

La raccolta di fondi avviata da Intesa Sanpaolo tramite la sua piattaforma For Funding per contribuire alla realizzazione dell’Ospedale da campo dell’Associazione Nazionale Alpini nella Fiera di Bergamo ha superato €480.000, portando così il totale dell’intervento promosso da Intesa Sanpaolo a circa €800.000.

L’obiettivo iniziale del crowdfunding era di incrementare di almeno €100.000 il contributo della Banca di circa €350.000, grazie al quale sono stati acquistati ventilatori polmonari, sistemi radiologici, apparecchi per laboratorio analisi, monitor, aspiratori, produttori di ossigeno e altri materiali sanitari.

Questo intervento a favore della comunità di Bergamo, colpita in modo particolare dal COVID-19, si aggiunge alla donazione di €100 milioni annunciata da Intesa Sanpaolo nel mese di marzo e messa a disposizione della Sanità Nazionale per fronteggiare l’emergenza Coronavirus e alla donazione di €5 milioni per l’ospedale Papa Giovanni XXIII.

L’allestimento in tempi rapidi dell’ospedale da campo dell’Associazione Nazionale Alpini è stato possibile anche grazie alla mano d’opera degli artigiani bergamaschi che hanno donato 20.000 ore di lavoro, e al sostegno economico dei cittadini che hanno creduto in questa iniziativa promossa da Intesa Sanpaolo e Ana.

Siamo estremamente grati ad Intesa Sanpaoloche ha confermato la tradizionale vicinanza al territorio e uno spirito di impresa che non trascura mai l’essere solidale. Spirito che si riconosce perfettamente nelle tradizioni e nei valori dell’Associazione Nazionale Alpini, il cui patrimonio di consenso, costruito in un secolo di storia, è stato ancora una volta decisivo nell’imprimere una spinta straordinaria alla raccolta. Esprimiamo dunque tutta la nostra gratitudine a Intesa Sanpaolo, che in questi valori si è identificato, raggiungendo con le penne nere un risultato che potremmo definire commovente e che ci sprona a continuare sulla strada dell’impegno solidale.

 

Sebastiano Favero, Presidente nazionale dell’Ana e di Ana Onlus

{"toolbar":[]}