{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Conclusa la prima cartolarizzazione sintetica green italiana

Intesa Sanpaolo realizza la prima cartolarizzazione sintetica green italiana. Nella foto: impianto eolico e fotovoltaico

Intesa Sanpaolo ha concluso la prima cartolarizzazione sintetica in Italia totalmente dedicata alla green economy, trasferendo al mercato dei capitali il rischio a lungo termine di un portafoglio di 42 project finance strutturati per la costruzione di impianti eolici (50% del totale), fotovoltaici (40%) e a biomassa (10%), per un importo complessivo di €1,3 miliardi.

L’energia pulita generata dagli impianti green inclusi nel portafoglio cartolarizzato è pari a circa 7,2 GW, una capacità sufficiente a soddisfare il fabbisogno annuale di 6 milioni di famiglie e a ridurre le emissioni di CO2 per una quantità equivalente a quella prodotta da 3 milioni di auto.

L’operazione si inserisce nell’ambito del programma GARC (Gestione Attiva Rischio Credito) della Banca che, pur mantenendo a bilancio gli impieghi già erogati, consente di liberare risorse per nuovi prestiti alle imprese che puntano su fonti energetiche non inquinanti. Intesa Sanpaolo avrà inoltre la possibilità di includere nel portafoglio cartolarizzato nuovi green project finance.

Intesa Sanpaolo ad oggi ha realizzato 23 operazioni su oltre 35 miliardi di portafogli al closing, confermandosi tra le prime banche sul mercato europeo delle cartolarizzazioni sintetiche.

{"toolbar":[]}