{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Motore Italia: roadshow virtuale per accompagnare le imprese nella ripartenza

Motore Italia: roadshow virtuale per accompagnare le imprese nella ripartenza. “Motore Italia”: un plafond nazionale di €50 miliardi dedicato al l rilancio delle PMI del territorio

“Motore Italia” è il nuovo programma strategico di Intesa Sanpaolo si compone di cinque linee di intervento, che mette €50 miliardi di nuovo credito a disposizione delle piccole e medie imprese (PMI) italiane per sostenere i loro investimenti verso una transizione sostenibile e digitale.

Attraverso un roadshow territoriale, il programma “Motore Italia” ha raggiunto le PMI indicando le misure più idonee per avere maggiore tranquillità finanziaria.

Segui le tappe:

CAMPANIA

“Motore italia” mette a disposizione delle imprese campane €2,5 miliardi dei 50 miliardi previsti dal plafond nazionale.

Durante la prima tappa del roadshow di “Motore Italia”, Giuseppe Nargi, Direttore Regionale Campania, Basilicata, Calabria e Puglia, ha così commentato:

"Nel 2020, un anno che ha presentato diverse criticità determinate dalla pandemia, abbiamo concretamente sostenuto il tessuto produttivo regionale, e anche quest’anno garantiremo il nostro impegno con soluzioni concrete: allungando i tempi di rientro del debito e consentendo alle PMI di pianificare gli investimenti che siamo pronti a sostenere con nuovo credito.

"Nello scorso anno le aziende e le famiglie campane hanno beneficiato di nostri finanziamenti a medio-lungo termine, compresi gli interventi per il COVID-19, per circa 3,3 miliardi di euro. Abbiamo inoltre concesso circa 46.000 moratorie per un debito residuo di 4,5 miliardi e favorito circa 50 accordi regionali di filiera. Ora è il momento di fare un passo in più per accelerare insieme il rilancio, con un impegno orientato a un futuro sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e sociale".

Scarica qui lo studio sul contesto e le prospettive dell’economia italiana e campana, presentato da Stefania Trenti, Responsabile Industry Research della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

LAZIO

“Motore italia” mette a disposizione delle imprese laziali €2 miliardi dei 50 miliardi previsti dal plafond nazionale.

Durante la tappa laziale del roadshow di “Motore Italia”, Pierluigi Monceri, Direttore Regionale Lazio, Sicilia, Sardegna, Abruzzo e Molise, ha così commentato:

“Nel 2020, un anno che ha presentato diverse criticità determinate dalla pandemia, abbiamo concretamente sostenuto il tessuto produttivo laziale, e anche quest’anno garantiremo il nostro impegno con soluzioni concrete: allungando i tempi di rientro del debito e consentendo alle aziende di pianificare gli investimenti che siamo pronti a sostenere con nuovo credito.

“Dall’inizio della pandemia abbiamo supportato le aziende laziali con erogazioni a medio-lungo termine, compresi gli interventi per il COVID-19, per oltre 2 miliardi di euro. Abbiamo inoltre concesso oltre 17.000 moratorie per un debito residuo di circa 3,4 miliardi e favorito oltre 17 accordi regionali di filiera. Ora è il momento di fare un passo in più per accelerare insieme il rilancio, con un impegno orientato a un futuro sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e sociale”.

Scarica qui lo studio sullo scenario macroeconomico e sulle leve per un rilancio della crescita, presentato da Fabrizio Guelpa, Responsabile Industry & Banking Research della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

SARDEGNA

“Motore italia” mette a disposizione delle imprese sarde €600 milioni dei 50 miliardi previsti dal plafond nazionale.

Durante la tappa sarda del roadshow di “Motore Italia”, Pierluigi Monceri, Direttore Regionale Lazio, Sicilia, Sardegna, Abruzzo e Molise di ha così commentato:

“Nel 2020, un anno che ha presentato diverse criticità determinate dalla pandemia, abbiamo concretamente sostenuto il tessuto produttivo sardo, e anche quest’anno garantiremo il nostro impegno con soluzioni concrete: allungando i tempi di rientro del debito e consentendo alle aziende di pianificare gli investimenti che siamo pronti a sostenere con nuovo credito.

“Dall’inizio della pandemia abbiamo supportato le aziende sarde con erogazioni a medio-lungo termine, compresi gli interventi per il COVID-19, per circa 650 milioni di euro. Abbiamo inoltre concesso circa 12.000 moratorie per un debito residuo di oltre 1,5 miliardi e favorito oltre 17 accordi regionali di filiera. Ora è il momento di fare un passo in più per accelerare insieme il rilancio, con un impegno orientato a un futuro sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e sociale”.

Scarica qui lo studio sullo scenario macroeconomico e le leve per un rilancio della crescita, presentato da Fabrizio Guelpa, Responsabile Industry & Banking Research della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

 

ABRUZZO e MOLISE

“Motore Italia” mette a disposizione

  • €1 miliardo per le imprese abruzzesi
  • €170 milioni per le imprese molisane

dei 50 miliardi previsti dal plafond nazionale.

Durante le tappe abruzzese e molisana del roadshow di “Motore Italia”, Pierluigi Monceri, Direttore Regionale Lazio, Sicilia, Sardegna, Abruzzo e Molise di ha così commentato:

“Nel 2020, un anno che ha presentato diverse criticità determinate dalla pandemia, abbiamo sostenuto con il massimo impegno e con tutta la nostra solidità il tessuto produttivo locale. Anche quest’anno garantiremo il nostro impegno con soluzioni concrete: allungando i tempi di rientro del debito e consentendo alle aziende di pianificare gli investimenti che siamo pronti a sostenere con nuovo credito.

“Dall’inizio della pandemia abbiamo supportato le aziende abruzzesi con erogazioni a medio-lungo termine per oltre 600 milioni di euro e le imprese molisane con oltre €100 milioni, compresi gli interventi per il COVID-19.

“Abbiamo concesso in Abruzzo circa 7mila moratorie per un debito residuo di circa un miliardo di euro e favorito undici accordi regionali di filiera. Mentre in Molise, abbiamo concesso 1.300 moratorie per un debito residuo di 172 milioni di euro. Ora è il momento di fare un passo in più per accelerare insieme il rilancio, con un impegno orientato a un futuro sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e sociale”.

Scarica qui lo studio sullo scenario economico e le leve per un rilancio, presentato da Rosa Maria Vitulano, Economista Territoriale presso l’Ufficio Industry Research della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo

 

PIEMONTE - LIGURIA - VALLE D'AOSTA

“Motore italia” mette a disposizione delle imprese piemontesi, liguri e valdostane €5,3 miliardi dei 50 miliardi previsti dal plafond nazionale.

Durante la tappa del roadshow di “Motore Italia” dedicata alle regioni Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta, Teresio Testa, Direttore Regionale Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta ha così commentato:

“Nel 2020, un anno che ha presentato diverse criticità determinate dalla pandemia, abbiamo concretamente sostenuto il tessuto produttivo del nord ovest, e anche quest’anno garantiremo il nostro impegno con soluzioni concrete: allungando i tempi di rientro del debito e consentendo alle PMI di pianificare gli investimenti che siamo pronti a sostenere con nuovo credito.

“Nello scorso anno e fino al mese di febbraio del 2021, nelle tre regioni del nostro territorio, le aziende hanno beneficiato di finanziamenti a medio-lungo termine, compresi gli interventi per il Covid-19, per circa 3,5 miliardi di euro. Alle imprese abbiamo inoltre concesso oltre 40.000 moratorie per un debito residuo di 5,8 miliardi e favorito, fino ad oggi, più di 90 accordi regionali di filiera. Abbiamo inoltre in corso erogazioni di S-Loan per circa 50 milioni di euro e progetti finanziati con il plafond circular economy per ulteriori 30 milioni di euro. Ora è il momento di fare un passo in più per accelerare insieme il rilancio, con un impegno orientato a un futuro sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e sociale”. 

Scarica qui lo studio sullo scenario macroeconomico e le leve per un rilancio della crescita, presentato da Fabrizio Guelpa, Responsabile Industry & Banking Research della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

 

TOSCANA e UMBRIA

“Motore Italia” mette a disposizione

  • €4 miliardi per le imprese toscane
  • €1 miliardo per le imprese umbre

dei 50 miliardi previsti dal plafond nazionale.

Durante le tappe toscana e umbra del roadshow di “Motore Italia”, Luca Severini, Direttore Regionale Toscana e Umbria Intesa Sanpaolo ha così commentato:

“Nel 2020, un anno che ha presentato diverse criticità determinate dalla pandemia, abbiamo sostenuto con il massimo impegno e con tutta la nostra solidità il tessuto produttivo locale. Anche quest’anno garantiremo il nostro impegno con soluzioni concrete: allungando i tempi di rientro del debito e consentendo alle aziende di pianificare gli investimenti che siamo pronti a sostenere con nuovo credito.

“Dall’inizio della pandemia abbiamo supportato le aziende abruzzesi con erogazioni a medio-lungo termine per oltre 600 milioni di euro e le imprese molisane con oltre €100 milioni, compresi gli interventi per il COVID-19.

“Abbiamo supportato le aziende toscane con erogazioni a medio-lungo termine, compresi gli interventi per il COVID-19, per circa 3 miliardi di euro. Abbiamo inoltre concesso circa 30.000 moratorie per un debito residuo di circa 5,3 miliardi. Ora è il momento di fare un passo in più per accelerare insieme il rilancio, con un impegno orientato a un futuro sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e sociale.

"Le aziende umbre sono state supportate con erogazioni a medio-lungo termine, compresi gli interventi per il Covid-19, per circa 700 milioni di euro. Abbiamo inoltre concesso 8.800 moratorie alle imprese per un debito residuo di 1,4 miliardi di euro. Ora è il momento di fare un passo in più per accelerare insieme il rilancio, con un impegno orientato a un futuro sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e sociale”.

Scarica qui lo studio sullo scenario economico e le leve per un rilancio, Giovanni Foresti, Responsabile Coordinamento Economisti Territoriali, Industry Research della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

 

TRIVENETO

“Motore italia” mette a disposizione delle imprese del Triveneto €10 miliardi dei 50 miliardi previsti dal plafond nazionale.

Durante la tappa del roadshow di “Motore Italia” dedicata alle regioni del Triveneto, Renzo Simonato, Direttore Regionale di Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige ha così commentato:

“Nel 2020 abbiamo sostenuto con il massimo impegno e con tutta la nostra solidità il tessuto produttivo triveneto, dove abbiamo circa 150.000 aziende clienti. Anche quest’anno garantiremo il nostro impegno con soluzioni concrete: allungando i tempi di rientro del debito e consentendo alle aziende di pianificare gli investimenti che siamo pronti a sostenere con nuovo credito.

"Dall’inizio della pandemia abbiamo supportato le aziende trivenete con erogazioni a medio-lungo termine, compresi gli interventi per il Covid-19, per oltre 5,2 miliardi di euro. Abbiamo inoltre concesso circa 53mila moratorie per un debito residuo di circa 8,7 miliardi di euro. Ora è il momento di fare un passo in più per accelerare insieme il rilancio, con un impegno orientato a un futuro sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e sociale”.

Scarica qui lo studio sullo scenario macroeconomico e le leve per un rilancio della crescita, presentato da Giovanni Foresti, responsabile Coordinamento Economisti Territoriali presso l’Ufficio Industry Research della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

SICILIA

“Motore italia” mette a disposizione delle imprese siciliane oltre €1 miliardo dei 50 miliardi previsti dal plafond nazionale.

Durante la tappa del roadshow di “Motore Italia” dedicata alla Sicilia, Pierluigi Monceri, responsabile della direzione regionale Lazio, Sicilia, Sardegna, Abruzzo e Molise ha così commentato:

“Nel 2020, un anno che ha presentato diverse criticità determinate dalla pandemia, abbiamo concretamente sostenuto il tessuto produttivo siciliano, e anche quest’anno garantiremo il nostro impegno con soluzioni concrete: allungando i tempi di rientro del debito e consentendo alle aziende di pianificare gli investimenti che siamo pronti a sostenere con nuovo credito.

“Dall’inizio della pandemia abbiamo supportato le aziende siciliane con erogazioni a medio-lungo termine, compresi gli interventi per il Covid-19, per circa 1,2 miliardi di euro. Abbiamo inoltre concesso oltre 13.000 moratorie per un debito residuo di oltre 1,3 miliardi e favorito 16 accordi regionali di filiera. Ora è il momento di fare un passo in più per accelerare insieme il rilancio, con un impegno orientato a un futuro sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e sociale”.

Scarica qui lo studio sullo scenario macroeconomico e le leve per un rilancio della crescita, presentato da Fabrizio Guelpa - Responsabile Industry & Banking Research della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

PUGLIA

“Motore italia” mette a disposizione delle imprese pugliesi €1,5 miliardi dei 50 miliardi previsti dal plafond nazionale.

Durante la tappa del roadshow di “Motore Italia” dedicata alla Puglia, Giuseppe Nargi, Direttore Regionale Campania, Basilicata, Calabria e Puglia di Intesa Sanpaolo ha così commentato:

“Nel 2020 abbiamo concretamente sostenuto il tessuto produttivo pugliese e anche quest’anno garantiremo il nostro impegno allungando i tempi di rientro del debito e consentendo alle aziende di pianificare gli investimenti che siamo pronti a sostenere con nuovo credito.

“Dall’inizio della pandemia abbiamo supportato le famiglie e le imprese della regione con erogazioni a medio-lungo termine, compresi gli interventi per il COVID-19, per circa 2,6 miliardi di euro. Abbiamo inoltre concesso circa 38.000 moratorie per un debito residuo di 3,3 miliardi e favorito oltre 30 accordi di filiera”.

Scarica qui lo studio sullo scenario macroeconomico e le leve per un rilancio della crescita, presentato da Stefania Trenti - Responsabile Industry Research della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

MILANO E MONZA-BRIANZA

“Motore italia” mette a disposizione delle imprese di Milano e Monza-Brianza €4 miliardi dei 50 miliardi previsti dal plafond nazionale.

Durante la tappa del roadshow di “Motore Italia” dedicata a Milano e Monza-Brianza, Gianluigi Venturini, Direttore Regionale Milano e Provincia di Intesa Sanpaolo ha così commentato:

“Nel 2020, anno drammatico a causa della pandemia, abbiamo concretamente sostenuto il tessuto produttivo locale e anche quest’anno garantiremo il nostro impegno con soluzioni concrete, in particolare allungando i tempi di rientro del debito e consentendo alle PMI di pianificare gli investimenti che siamo pronti a sostenere con nuovo credito”.

 “Nello scorso anno le aziende e le famiglie di Milano e Monza Brianza hanno beneficiato di nostri finanziamenti a medio-lungo termine, compresi gli interventi per fronteggiare il Covid-19, per oltre 6 miliardi di euro. Abbiamo inoltre concesso oltre 40.000 moratorie per un debito residuo di circa 6 miliardi e favorito oltre 70 accordi di filiera con un giro d’affari di circa 10 miliardi. Ora è il momento di fare un passo in più per accelerare insieme il rilancio, con un impegno orientato a un futuro sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e sociale”.

Scarica qui lo studio sullo scenario macroeconomico e le leve per un rilancio della crescita, presentato da Giovanni Foresti - Responsabile coordinamento economisti sul territorio, della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

{"toolbar":[]}