{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Cultura

38° Premio Giuseppe Mazzotti

Sabato 28 novembre 2020 verrà trasmesso in streaming la XXXVIII edizione del Premio Giuseppe Mazzotti di cui Intesa Sanpaolo è anche quest’anno Main Partner.

L’emergenza sanitaria in corso ha imposto all’Associazione Premio Letterario Giuseppe Mazzotti di trovare nuovi strumenti e nuove modalità per celebrare la fase conclusiva del concorso e l’assegnazione dei premi: la cerimonia, che tradizionalmente si svolge al Parco Gambrinus di San Polo di Piave (Treviso), quest’anno potrà essere seguita a distanza da tutta Italia, poiché sarà trasmessa dalle 16.00 alle 17.00 di sabato 28 novembre, sul canale YouTube e nella pagina Facebook del Premio Giuseppe Mazzotti.

 

I tre libri vincitori della XXXVIII edizione 2020 del Premio Gambrinus “Giuseppe Mazzotti” per la letteratura di montagna, alpinismo, esplorazione - viaggi, ecologia e paesaggio, artigianato di tradizione e Finestra sulle Venezie ci conducono in luoghi molto diversi tra loro, accomunati dalla funzione di custodire e tramandare un sapere prezioso: si tratta del volume “Nel castello delle storie. Montagne, ghiacciai, foreste da oggi al 1778” di Marco Albino Ferrari (Ulrico Hoepli Editore, 2019), vincitore nella sezione “Alpinismo: imprese, vicende storiche, biografie e guide”, di “Flower Power. Le piante e i loro diritti” di Alessandra Viola (Giulio Einaudi Editore, 2020), selezionato nella sezione “Ecologia e paesaggio”, e di “Tipoteca. Una storia italiana” a cura di Silvio Antiga (Antiga, 2019), scelto nella sezione “Artigianato di tradizione”.

La Giuria del Premio, presieduta dallo storico Alessandro Vanoli, ha scelto di assegnare un Premio speciale a due volumi filosofici, “I paesaggi delle Alpi. Un viaggio nelle terre alte tra filosofia, natura e storia” dell’antropologo Annibale Salsa (Donzelli Editore, 2019), che riceverà il premio da Intesa Sanpaolo, e “Un’etica della Madre Terra. Come prendersi cura della Casa comune” del teologo brasiliano Leonardo Boff, che, con sguardo e focus differenti, indagano il rapporto uomo - paesaggio evidenziando la necessità di una nuova “consapevolezza culturale unita ad una coscienza morale” (come la definisce Salsa) o di un atteggiamento comune di “comprensione, compassione e amore” (come scrive Boff). Salsa indaga il paesaggio alpino, mettendo in luce una profonda separazione fra la dimensione naturale e la dimensione culturale; Boff estende lo sguardo alla Terra Madre, la Casa comune, concludendo che “La nostra missione è prenderci cura di ciò che esiste, custodire il patrimonio naturale e culturale comune, in maniera che la biosfera continui ad essere un bene dell’intera vita e che sia di fatto la Casa comune degli umani e di tutti gli esseri generati dalla Madre Terra”.

Non mancheranno gli interventi dei vincitori, così come non sarà disatteso il momento più emozionante della cerimonia, lo spoglio dei voti della Giuria dei quaranta lettori, composta da personalità provenienti da vari ambiti della società civile scelte nel Triveneto. La Giuria assegnerà il Super Premio “La Voce dei Lettori” di 3.000,00 euro ad uno dei tre vincitori delle altrettante sezioni di gara. Infine, il Premio Honoris Causa è stato invece assegnato ad una personalità che nel difficile 2020 ha saputo lanciare un messaggio costruttivo e solidale: l’imprenditore Brunello Cucinelli, il “re del cachemire” che a Solomeo, frazione di Corciano (Perugia), ha riportato in vita l’artigianato tessile locale.

{"toolbar":[]}