{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Cultura

Marc Chagall a Palazzo Roverella di Rovigo

Immagina Chagall
Immagina Chagall

Prolungata sino al 14 marzo 2021 la mostra “Marc Chagall: anche la mia Russia mi amerà”, una romantica e surreale fiaba russa. 

Per la prima volta in Italia apre, nelle sale di Palazzo Roverella, un’importante esposizione dedicata a Marc Chagall e all'influsso esercitato sulla sua opera dalla grande tradizione culturale russa.

Il percorso espositivo racchiude i maggiori capolavori dei musei russi di Mosca e di San Pietroburgo, oltre a una generosa selezione di opere provenienti dalla collezione privata dell’artista, a cui si affiancano icone e lubki, vignette tipiche della tradizione popolare.

La potenza che l’immagine, sacra o profana che sia, assume nella cultura russa si riflette in tutta l’opera di Chagall, negli anni in cui vive in patria come in quelli del lungo esilio. Proprio come la vita dell’artista, anche la mostra è divisa in due parti che seguono l’evoluzione del suo stile: maggiormente realistico quando ancora viveva in Russia, via via più onirico durante l’esilio, quando animali, case, villaggi e fiori del suo passato continueranno ad accompagnarlo, filtrati dalla memoria e rielaborati in una sorta di realismo poetico.

L’iniziativa è promossa da Fondazione Cariparo, Comune di Rovigo e Accademia dei Concordi, con il sostegno di Intesa Sanpaolo.

{"toolbar":[]}