{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Educazione

Con gli studenti per la ricerca sul Covid-19

Quattro progetti nell’ambito della ricerca per la lotta al Covid-19, sviluppati da giovani ricercatori di quattro Atenei italiani. È quanto mette in campo, per la fase post Covid-19, la nostra capogruppo assicurativa Intesa Sanpaolo Vita.

Intesa Sanpaolo Vita affianca i giovani ricercatori per contrastare il Covid-19

Nella fase emergenziale, è stato necessario rafforzare l’aspetto assistenziale, medici, ospedali, strumenti medicali per la terapia intensiva, trattamenti farmaceutici.
Ora occorre concentrare gli sforzi per approfondire la conoscenza del virus, esplorare le dinamiche di trasmissione, trovare soluzioni per affrontare e prevenire possibili ritorni o eventi pandemici futuri. È fondamentale stimolare e sostenere il mondo della ricerca. 

Niente nella vita va temuto, deve essere solamente compreso. Ora è tempo di comprendere di più, così possiamo temere di meno.

Marie Curie

L’emergenza Covid-19 ha riportato in evidenza l'importanza delle competenze e l’esiguità dei confini, fisici, mentali o culturali che siano. È emerso chiaramente che nell’affrontare le  crisi che si succedono bisogna ragionare come una macro-comunità.
La società della conoscenza richiede il continuo sviluppo scientifico senza il quale non cresce la cultura, non c’è progresso e non si genera benessere, visto che il sapere scientifico sempre di più è fonte di sviluppo economico.
Per il nostro Paese, ricco di cultura, creatività e menti eccellenti, il sostegno alla ricerca è un forte impulso alla crescita e alla competitività.  E soprattutto, significa valorizzare i giovani ricercatori, ridurre la precarizzazione dei loro percorsi lavorativi, rafforzare i legami tra Atenei, Centri di Ricerca e Imprese, tutti fattori che generano innovazione, sviluppo e occupazione.  

Per tutto questo con Intesa Sanpaolo Vita abbiamo pensato di affiancare i giovani ricercatori e dare impulso alle loro ricerche sul coronavirus in corso o in avvio in quattro eccellenti Università italiane, immaginando anche sinergie e convergenze, scientifiche e territoriali, che diano vigore all’esplorazione di ogni forma possibile di contrasto al virus.
I progetti di ricerca in ambito clinico e immunologico "Studio delle multimorbosità correlata all'infezione da SARS-CoV-2: valutazioni cliniche e patogenetiche" dell’Università di Milano,  “Studio delle lesioni tissutali ed organiche in pazienti deceduti SARS-CoV-2 positivi: analisi morfologiche, molecolari, ultrastrutturali e correlazioni clinico-patologiche” dell’Università di Padova“Genomic, immunologic and hormonal gender differences in COVID 19” dell’Università Cattolica di Roma“Anticorpi sintetici “monoclonal type” vs SARS-CoV-2” dell’Università della Calabria, aiuteranno la comunità scientifica a conoscere meglio il nemico invisibile di questo tempo.

 

“Intesa Sanpaolo Vita, coerentemente con le numerose iniziative del Gruppo Intesa Sanpaolo per fronteggiare l’emergenza sanitaria, ha avviato diversi progetti a sostegno del Paese. Dopo aver ampliato gratuitamente i servizi e le coperture sanitarie per i nostri assicurati, per dare una risposta immediata alla crisi sanitaria, abbiamo deciso ora di impegnarci in un’iniziativa che guarda soprattutto al futuro e al benessere di tutta la comunità in cui operiamo, investendo sui giovani, sulla loro formazione e specializzazione. Grazie a questa iniziativa quattro ricercatori di altrettante Università italiane potranno impegnarsi a tempo pieno sul fronte della ricerca immunologica”.


Nicola Maria Fioravanti, AD Intesa Sanpaolo Vita, Responsabile Divisione Insurance di Intesa Sanpaolo

Il sostegno ai giovani ricercatori, aggiunge un ulteriore tassello alla costruzione della Banca di Impatto che vogliamo essere.  La ricerca è una delle principali risorse che consentono a un Paese di rimanere competitivo e al passo con quelli più avanzati. Sostenere la ricerca rende meno precario il futuro di giovani ricercatori che partecipano allo sviluppo e al benessere della nostra società.

Contribuire allo sviluppo della ricerca vuol dire guardare al futuro e partecipare concretamente alla sua costruzione.

                                                                                                                                   maggio 2020

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}