{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Sociale

Insieme per la ricerca sul cancro

La tecnologia al servizio della ricerca, potremmo riassumere così l’iniziativa che coinvolge 7.700 casse veloci automatiche di Intesa Sanpaolo, sparse in tutte le regioni d’Italia, per aiutare in modo semplice, comodo e veloce l’Istituto di Candiolo IRCSS, attivo sui fronti più avanzati della ricerca contro il cancro. Chiunque possegga un bancomat, indipendentemente dalla banca di appartenenza, potrà determinare un piccolo passo in avanti verso la guarigione.

È questo il frutto di un accordo che Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro e Intesa Sanpaolo hanno raggiunto nell’ambito di una consolidata collaborazione.

Le donazioni hanno una destinazione precisa perché andranno a finanziare un importante piano di ampliamento dell’Istituto di Candiolo previsto per i prossimi anni, e a implementare la dotazione di apparecchiature tecnologiche sempre più sofisticate e necessarie per la ricerca delle cure contro il cancro.

Questo accordo fa parte di una collaborazione più ampia tra Fondazione e Intesa Sanpaolo, che prevede una serie di attività di raccolta fondi, di comunicazione e di sensibilizzazione sul tema del cancro. Tra queste la messa a disposizione di For Funding, la piattaforma online di raccolta fondi che la Banca dedica agli enti non profit per raccontare, promuovere e finanziare progetti di solidarietà sociale, e il supporto di Intesa Sanpaolo Casa nella vendita degli immobili lasciati in eredità alla Fondazione.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}