{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Inclusione finanziaria di soggetti vulnerabili

Il supporto alla clientela vulnerabile passa attraverso una pluralità di progetti ed iniziative mirate ad una corretta allocazione delle risorse individuando attori sul territorio con i quali sviluppare accordi e sinergie che rendano più semplice l'accesso al credito di soggetti vulnerabili o non bancari.

Iniziative ad alto impatto sociale

Nel corso del 2018 il Gruppo Intesa Sanpaolo ha erogato nuovi finanziamenti per attività ad alto impatto sociale per quasi 4,5 miliardi di euro (7,4% sul totale dei crediti erogati dal Gruppo nel 2018), contribuendo a creare opportunità imprenditoriali e occupazionali nonché ad aiutare le persone in difficoltà attraverso diverse forme: microcredito; prestiti antiusura; prodotti e servizi destinati ad associazioni ed enti del Terzo settore; prodotti dedicati alle categorie sociali più vulnerabili per favorirne l’inclusione finanziaria; finanziamenti di sostegno alle popolazioni colpite da eventi catastrofici; moratorie sui finanziamenti in corso.

Famiglie

Per venire incontro ai disagi e alle difficoltà delle famiglie e delle fasce sociali più vulnerabili, Intesa Sanpaolo garantisce soluzioni finanziarie innovative anche aderendo a diverse tipologie di intervento di sostegno a livello di sistema bancario quali la predisposizione di fondi di garanzia e la possibilità di sospensione temporanea del pagamento della rata del mutuo per i nuclei familiari penalizzati dalla perdita del posto di lavoro o dalla riduzione dello stipendio.

Rinegoziazione delle condizioni di mutuo

La Banca ha da tempo previsto forme di rinegoziazione delle condizioni del mutuo per dare risposta concreta alle esigenze delle famiglie che chiedono di adeguare l'onere della rata alle mutate capacità reddituali, aderendo alle iniziative del sistema bancario per sostenere le famiglie in difficoltà. Un’altra soluzione per venire incontro alle difficoltà delle famiglie è la concessione ai clienti titolari di un mutuo ipotecario in ammortamento da almeno 12 mesi e in regola con i pagamenti, della sospensione del pagamento della quota capitale delle rate per un periodo massimo di 12 mesi, dando così la possibilità di fronteggiare temporanee difficoltà economiche.
L'ampia e flessibile offerta dei mutui ha visto il processo commerciale arricchito con il nuovo prodotto Mutuo in Tasca, destinato in particolare a coloro che, per la prima volta, decidono un acquisto importante. Mutuo in Tasca consente di ottenere una concessione di credito basata sulla capacità massima di rimborso dei mutuatari, i quali possono muoversi serenamente alla ricerca dell’immobile certi che la Banca sarà a loro supporto nell’operazione.

Sostegno dei lavoratori

Per sostenere i lavoratori in cassa integrazione, già dal 2005 Intesa Sanpaolo ha realizzato "Anticipazione sociale", che permette di attivare una linea di fido a rilascio graduale a condizioni economiche particolarmente agevolate, utilizzabile fino al momento in cui l’INPS accrediterà sul conto corrente del lavoratore l’integrazione salariale. Grazie agli accordi sottoscritti con gli Enti e con le istituzioni locali in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana e Veneto, il lavoratore non sostiene alcun onere perché indennizzato dai partner di progetto.

Prevenzione del fenomeno dell’usura

La Banca ha inoltre aderito al progetto di iniziativa sociale promosso da Adiconsum volto alla prevenzione del fenomeno dell’usura e destinato a persone e famiglie che, pur avendo recuperato capacità di rimborso, per posizioni negative precedenti non hanno accesso al credito legale. Prestito Adiconsum è garantito da un fondo alimentato da contributi statali e affidato a Banca Prossima.

Giovani

E’ di fondamentale importanza  investire sui giovani, dando un segnale di fiducia, di apertura e coinvolgimento ai ragazzi, per promuovere nuove strade di comunicazione e di interazione con i clienti del futuro.
Per questa ragione Intesa Sanpaolo ha sviluppato una specifica linea di prodotti: oltre a Mutuo Giovani -dedicato ai giovani con meno di 35 anni, inclusi i lavoratori atipici o con contratti a tutele crescenti, con l’obiettivo di agevolarne l’acquisto della prima casa - l’offerta comprende conti correnti, carte prepagate, finanziamenti ad hoc – XTE Prestito Giovani e Per Merito – e soluzioni di previdenza complementare.

Innovazione ed Educazione finanziaria

Nell’ambito dell’innovazione abbinata all’educazione finanziaria è stata realizzata all’interno dell’App Intesa Sanpaolo Mobile, la versione Minori del portafoglio digitale  XME Pay con l’obiettivo di fornire ai minori titolari di XME Conto UP! con più di otto anni e un cellulare certificato, il primo strumento di banking “digitale” che consente di:

  • gestire tramite App (entro i limiti di operatività consentiti a questo target) i rapporti bancari
  •  fare education finanziaria, accompagnando il minore nel percorso di responsabilizzazione, indipendenza e gestione consapevole dei propri rapporti e risorse finanziarie

Non solo servizi e soluzioni dedicati ai giovani, a condizioni agevolate, ma anche un nuovo linguaggio di comunicazione nelle Filiali e online, con una sezione del sito dedicata a cui si affiancano una pagina Facebook e un account Twitter che consentono di richiedere informazioni e approfondimenti nonché ricevere assistenza sui prodotti e le iniziative dedicate.
Il primo punto d’attenzione è l’aspetto dei costi, che Intesa Sanpaolo ha contenuto al minimo: su XME Conto, conto corrente flessibile, condizioni agevolate per i giovani fino ai 30 anni, XME Conto UP!, conto per i minori completamente gratuito, costi di gestione contenuti per i prodotti di finanziamento, risparmio, previdenza e tutela.

Piani previdenziali

Sul fronte del risparmio, la possibilità di investire nel tempo piccole somme di denaro, anche in assenza di una disponibilità iniziale significativa, offre l’opportunità di avviare un piano di accumulo ponendo le basi per costruire un capitale nel medio/lungo periodo.
In tema di offerta previdenziale, il fondo pensione aperto, "Il Mio Domani" e il piano individuale di previdenza, "Il Mio Futuro" - prevedono per gli aderenti under 25 uno sconto sulla commissione di gestione amministrativa annua.

Sostegno alla formazione

Il continuo impegno della Banca nel favorire lo sviluppo formativo dei giovani, anche post universitario, trova espressione in "Per Merito", prodotto che si rivolge, consentendone l’accesso al credito, agli studenti, particolarmente meritevoli di ogni Ateneo e Facoltà, compresi quelli che desiderano iscriversi a università straniere o a master, in qualsiasi condizione economica e sociale, in quanto il prestito non richiede alcuna garanzia personale o familiare.
Nel corso del 2018 la Banca ha continuato a sviluppare una capillare azione di promozione del prodotto presso le principali Università italiane. Questa azione è stata estesa agli Enti di Alta Formazione Professionale, operanti in ambito pubblico e privato, al fine di sviluppare tutte le potenzialità di supporto alla crescita delle nuove generazioni e di inclusione finanziaria dei capaci e meritevoli.

Senior

I prodotti e servizi dedicati a questa tipologia di clientela tengono in considerazione specifiche esigenze di semplicità e di valorizzazione della relazione con la Banca che si è consolidata nel tempo.

Due le linee di prodotti dedicati: "Carta pensione", e "Libretto Pensione per te" La gamma dedicata ai clienti Senior è completata dal Conto di Base realizzato in adempimento a normative introdotte nel 2012 con finalità di inclusione finanziaria. 

Il conto è dedicato a clienti con limitate esigenze bancarie e prevede bassi costi di gestione, in particolare per clientela socialmente svantaggiata e, viste le finalità di questo prodotto, Intesa Sanpaolo ha reso il Conto di Base ancora più conveniente, garantendo un maggior numero di operazioni gratuite rispetto ai limiti stabiliti dalla normativa.

Famiglie e operatori colpiti da eventi catastrofici e calamitosi

Il Gruppo Intesa Sanpaolo ha confermato il proprio impegno concreto e tangibile a fianco delle famiglie e degli operatori economici colpiti da calamità ambientali o altre catastrofi che hanno interessato il territorio italiano, quali il crollo del Ponte Morandi a Genova, il terremoto nel Centro Italia, eventi atmosferici straordinari del Triveneto, la frana di Stigliano mettendo a disposizione nuovi finanziamenti agevolati destinati al ripristino delle strutture danneggiate (abitazioni, negozi, uffici, laboratori artigianali, aziende), moratorie sui finanziamenti in corso, interventi in ambito tutela e iter preferenziali, semplificati e veloci. 

Nel 2018, il Gruppo ha sostenuto le famiglie colpite per oltre 15 milioni di euro, tramite la remissione unilaterale di più di 220 mutui “prima casa” sugli immobili dichiarati inagibili in conseguenza del terremoto nel Centro Italia. Sono state effettuate più di 1.300 sospensioni nel rimborso dei finanziamenti in essere.  In aggiunta, sono stati erogati più di 3.500 finanziamenti agevolati per circa 200 milioni nel 2018 e per oltre 140 milioni nel periodo 2015-2017. Intesa Sanpaolo è stata vicina anche alle famiglie e alle imprese colpite dal crollo del Ponte a Genova stanziando un plafond di 4,5 milioni di euro destinato alla remissione unilaterale di mutui e di 50 milioni di euro per la ricostruzione. Ha inoltre provveduto alla sospensione gratuita e volontaria del pagamento delle rate per 12 mesi dei mutui relativi ad immobili crollati o inagibili.

A fronte degli straordinari eventi atmosferici avvenuti alla fine di ottobre, è stato stanziato un plafond di 1 miliardo di euro, di cui 270 milioni dedicati alle regioni del Nordest, per finanziamenti a condizioni agevolate; è stata infine data disponibilità a sospendere per 12 mesi le rate dei finanziamenti in essere presso le famiglie e le imprese delle aree colpite.

Immigrati

Intesa Sanpaolo ha sviluppato un’offerta di servizi complementari fra di loro per caratteristiche e costi che soddisfano al meglio l’esigenza della clientela immigrata (a fine 2018, 1,2 milioni di clienti) di trasferire i propri risparmi nei Paesi di origine.

  • Money Transfer Western Union, grazie alla capillare rete di agenti permette di trasferire denaro in tutto il mondo anche in zone che, per la scarsa presenza di Banche e Istituzioni Finanziarie, non consentono l’utilizzo proficuo dei servizi bancari tradizionali
  • GetMoney to Family consente di inviare denaro nei principali paesi di provenienza dei migranti grazie ad accordi di collaborazione stipulati con banche in loco
  • Express to Family per l’invio di denaro sulle Banche del Gruppo Intesa Sanpaolo presenti in Albania, Egitto, Serbia e Ucraina.
 

Nel corso del 2018 sono state effettuate circa 101 mila rimesse per 51,4 milioni di euro complessivi. Tramite Western Union sono stati effettuati nel 2018 quasi 85.000 trasferimenti per circa 24 milioni di euro.Tramite i primi tre servizi, nel corso del 2017 sono state effettuate circa 228 mila rimesse per 76,7 milioni di euro complessivi. 

La Direzione International & Regulatory Affairs ha promosso e coordinato la realizzazione del progetto di Intesa Sanpaolo sull'inclusione finanziaria dei migranti articolato sulla base dei risultati di uno studio/analisi del processo in atto e sulle prospettive di impatto delle dinamiche di integrazione dei migranti considerata elemento importante per la crescita sostenibile del nostro Paese nel medio e lungo periodo. 

L’analisi ha originato progetti operativi interni al Gruppo Intesa Sanpaolo con obiettivi sia di formazione e di change management, sia di sviluppo del business. Il versante formativo è concentrato su moduli per i collaboratori per l’approccio a tale gruppo di clienti, mentre il versante dello sviluppo operativo è diretto alla programmazione di iniziative con Banca 5 per l’estensione presso la rete di esercizi convenzionati delle rimesse e altri servizi transazionali dedicati ai migranti, e alla valutazione di un progetto pilota creditizio con la Direzione Impact.

Progetti di microcredito

L’impegno per la crescita sociale delle comunità in cui operiamo si è concretizzato in numerosi progetti di microcredito e iniziative volte alla prevenzione dell’usura, che ci hanno visto partner di Fondazioni azioniste e Onlus locali.

Il Prestito della Speranza

Iniziativa promossa nel 2010 dalla Conferenza Episcopale Italiana e dall’Associazione Bancaria Italiana, rivolta alle famiglie per il sostegno al reddito e agli imprenditori per l’avvio o rilancio di un’attività.
Nel marzo 2015 l’offerta è stata rinnovata in esclusiva con l’obiettivo di erogare - attraverso la rete delle Caritas diocesane - 100 milioni di finanziamenti garantiti da un fondo CEI di 25 milioni affidato a Banca Prossima. Il nuovo Prestito della Speranza 3.0 non si rivolge soltanto a categorie fragili, ma fissa due focus specifici, oggetto di iniziative dedicate: i progetti di vita e di autoimprenditorialità dei giovani e le imprese start-up. Il Prestito si articola in "Credito sociale", destinato alle famiglie, con importo massimo di 7.500 euro, erogato in 6 rate bimestrali di 1.250 euro ciascuna come forma di sostegno al reddito, e "Credito fare impresa", destinato alle microimprese a bassa capitalizzazione o di nuova costituzione, con un prestito erogato in unica soluzione sino a un massimo di 25.000 euro.
A fine 2018 il totale del credito erogato complessivamente nell’ultima versione del Prestito della Speranza, cioè da marzo 2015, era di 43,6 milioni di euro, di cui poco meno di 7 milioni di euro erogati nel corso dell’anno per quasi 900 finanziamenti.

Fondazione Lombarda Antiusura

Dal 1997 opera in difesa delle persone o delle piccole imprese che versano in gravi situazioni finanziarie oppure sono a rischio di usura. La Fondazione, costituita su iniziativa di Cariplo Spa in collaborazione con Fondazione Cariplo e Caritas Ambrosiana, fornisce a titolo gratuito le garanzie necessarie per la copertura del credito concesso. La selezione delle richieste avviene grazie al contributo di esperti, dipendenti o pensionati del Gruppo, che operano come centro di ascolto e accompagnamento nell’individuazione di soluzioni finanziarie atte a risolvere situazioni di criticità.

Fondazione Welfare Ambrosiano

Ente finanziato dal Comune di Milano, a cui partecipa anche la Fondazione Lombarda Antiusura prevede iniziative di microcredito sia di natura "sociale", per il sostegno al reddito di famiglie in temporanea difficoltà, sia di natura imprenditoriale, per la creazione di micro e piccola impresa. Il bacino di utenza è essenzialmente l’area milanese e Intesa Sanpaolo è uno dei cinque partner finanziari coinvolti nell’iniziativa.

Fondazione San Patrignano

Altre importanti iniziative ci vedono partner di Fondazione San Patrignano, in attività di microcredito per l'inserimento dei ragazzi della Comunità di San Patrignano nel mondo del lavoro, e di altre Fondazioni attive nei territori per interventi di microcredito finalizzati al sostegno di attività economiche.

VoBIS

Particolarmente importante, in molti progetti avviati, la collaborazione con VoBIS (Volontari Bancari per le Iniziative Sociali), associazione nazionale senza scopo di lucro di ex bancari che mettono le loro competenze al servizio dei cittadini e delle organizzazioni non profit, svolgendo attività di accompagnamento e tutoraggio dei richiedenti.

Banche estere

Anche nelle Banche estere del Gruppo è alta l’attenzione verso le fasce più deboli. In particolare Alexbank ha sviluppato negli anni diversi prodotti dedicati a soggetti non bancabili per migliorare le condizioni di vita e di lavoro nelle zone più povere del paese. Questo impegno è stato strutturato all’interno di un progetto dedicato - "Banking the Unbanked" - che prevede lo sviluppo e l’integrazione di tre filoni di intervento per questa tipologia di clientela: microfinanziamenti per soddisfare diverse esigenze dei clienti e creare piccole attività imprenditoriali; microdepositi a tassi vantaggiosi per incoraggiare la cultura del risparmio e la creazione di una piattaforma di mobile wallet

Sostegno al Terzo settore

La volontà di giocare un ruolo per la crescita delle comunità di cui è parte ha portato Intesa Sanpaolo a rafforzare gli strumenti e le iniziative a favore delle organizzazioni del Terzo settore, chiamate a compiti sempre più ampi per sopperire alle difficoltà che gli enti pubblici devono affrontare per offrire servizi adeguati ai cittadini.

Iniziative e organizzazioni

La Banca ha sviluppato una versione del modello di rating che meglio si adatta alle caratteristiche di questa tipologia di clientela e integra i tradizionali metodi di analisi bancaria con elementi importanti per il non profit, come la capacità di fund raising, il successo nei progetti finanziati da Pubbliche Amministrazioni e Fondazioni, le percentuali di commesse da privati.
In questo modo, si valutano i clienti su elementi di sostenibilità del debito e del progetto sociale che tengono in considerazione anche le peculiarità del mondo non profit e del suo specifico "patrimonio intangibile".

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"},{"label":"Richiedi bilanci","url":"/it/investor-relations/richiedi-bilanci","key":"business-budget"},{"label":"Calendario Finanziario","url":"/it/investor-relations/calendario-finanziario","key":"financial-calendar"}]}