{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Banca dell'Adriatico

La storia della Banca dell'Adriatico è fatta di integrazioni succedutesi nel tempo tra diversi Istituti di Credito dell'Italia Centrale. La Banca Popolare Pesarese e Ravennate, il nucleo originario della Banca, viene costituita nel 1875 a Pesaro come Banca Popolare Pesarese e, attraverso diverse acquisizioni di banche minori, nel corso degli anni ha esteso i propri confini operativi ben oltre il territorio provinciale di origine.

Nel corso del 1989 la Banca Popolare Pesarese, in seguito alla fusione per incorporazione della Banca Popolare Cooperativa di Bagnacavallo e Fusignano, diede origine alla Banca Popolare Pesarese e Ravennate, raggiungendo una dimensione aziendale di rilievo interregionale.
Il secondo nucleo della Banca dell'Adriatico è costituito dalla Banca Popolare Abruzzese Marchigiana e deriva dalla fusione tra la Banca Popolare di Teramo e le Popolari di San Benedetto del Tronto e Castel di Sangro avvenuta nel 1984.

La Banca Popolare dell'Adriatico viene costituita sotto forma di società cooperativa a responsabilità limitata il 1 luglio 1994, a seguito della fusione per concentrazione tra la Banca Popolare Pesarese e Ravennate e la Banca Popolare Abruzzese Marchigiana.

Nel corso del 1997 la Banca Popolare dell'Adriatico, dopo la trasformazione in società per azioni deliberata dall'Assemblea dei Soci, è entrata a far parte del Gruppo Bancario CAER, comprendente Cassa di Risparmio in Bologna S.p.A., Banca Agricola KMECKA Banca S.p.A. e Finemiro Banca S.p.A. 

Nel maggio 1997 si è conclusa positivamente l'offerta pubblica di acquisto e scambio lanciata dalla Cassa di Risparmio in Bologna S.p.A. e dalla propria Capogruppo CAER su azioni ordinarie e warrants della Banca rappresentative del pacchetto di controllo del capitale sociale della stessa (52,08%). 

Nel febbraio 2000, dopo la fusione di Casse Venete e CAER, nasce Cardine Banca S.p.A., la holding del nuovo Gruppo Cardine. L'integrazione nel nuovo Gruppo ha dato vita ad una delle prime otto realtà creditizie del Paese.

Il 1° giugno 2002 viene definita la fusione per incorporazione di Cardine Banca S.p.A. in Sanpaolo IMI S.p.A.. Nel giugno 2006 nell'ambito del riordino della rete distributiva del Gruppo nella "Dorsale Adriatica" è stata definita l'incorporazione nella Capogruppo di Banca Popolare dell'Adriatico e il successivo conferimento a Sanpaolo Banca dell'Adriatico, nuova banca commerciale del Gruppo, interamente controllata da Sanpaolo IMI, delle succursali bancarie che le permetteranno di presidiare in maniera esclusiva il territorio nelle regioni Marche, Abruzzo e Molise.

Il 22 ottobre 2007 la banca cambia la denominazione da Sanpaolo Banca dell'Adriatico a Banca dell'Adriatico. 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"},{"label":"Richiedi bilanci","url":"/it/investor-relations/richiedi-bilanci","key":"business-budget"},{"label":"Calendario Finanziario","url":"/it/investor-relations/calendario-finanziario","key":"financial-calendar"}]}