{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Milano, 27 maggio 2003

E’ stato firmato a Buenos Aires il contratto definitivo di fusione tra Banco Sudameris Argentina, partecipata del Gruppo Intesa, e Banco Patagonia, istituzione finanziaria argentina leader nella regione della Patagonia.

 

Il controllo della banca risultante dalla fusione, denominata Banco Patagonia-Sudameris, è detenuto dagli attuali azionisti di Banco Patagonia; mentre il Gruppo Intesa conserva una quota di minoranza pari al 19,95% del capitale, in linea con il previsto disimpegno dall’America Latina.

 

La banca, rafforzata dall’iniezione di fondi già contabilizzata nel bilancio consolidato 2002 di Banca Intesa, ottempera pienamente alle nuove disposizioni emanate dalle autorità argentine per porre rimedio ai gravi danni patiti dal sistema bancario locale con la crisi finanziaria del 2001-2002.

 

Banco Patagonia-Sudameris opererà su tutto il territorio argentino con più di 100 filiali e avrà un attivo totale di circa 2.600 milioni di Pesos e un patrimonio netto di circa 700 milioni di Pesos. La tradizionale attività corporate ed internazionale di Banco Sudameris è perfettamente complementare con l’attività retail di Banco Patagonia.

 

Anche grazie al suo ruolo di banca di riferimento per l’importante interscambio tra Italia e Argentina, Banco Patagonia-Sudameris potrà cogliere tutte le opportunità che scaturiranno dall’attesa ripresa economica.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}