{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

99° Rapporto Analisi dei Settori Industriali

Milano, 11 maggio 2021. La Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo e Prometeia hanno presentato il 99° numero del Rapporto Analisi dei Settori Industriali. Il Rapporto si focalizza sulla ripresa dei livelli di attività manifatturieri nel 2021, dal punto di minimo toccato lo scorso anno e delinea gli scenari di trasformazione dell’industria al 2025, ponendo l’accento sulla transizione digitale

A partire da maggio 2020, al termine della prima fase dell’emergenza sanitaria, l’industria italiana ha registrato un significativo rimbalzo, più intenso di quello osservato in altre fasi cicliche, grazie a forti spinte di recupero sul fronte interno e internazionale.
La reattività nell’agganciare la ripresa è frutto di un processo di rafforzamento competitivo avviatosi nell’ultimo decennio e che si intensificherà nei prossimi anni, grazie a una poderosa iniezione di fondi europei a supporto di digitalizzazione, automazione, innovazione, transizione green e nuove infrastrutture.
Quanto intensi saranno i ritmi di crescita nel prossimo quinquennio?
Quali settori beneficeranno maggiormente del traino degli investimenti?
Il Rapporto si propone di approfondire queste tematiche, delineando il quadro previsivo dell’industria manifatturiera italiana nell’orizzonte del 2025.

La parola agli economisti

Stefania Trenti e Ilaria Sangalli della Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo, insieme ad Alessandra Benedini e Alessandra Benedini di Prometeia, hanno presentato il 99° Rapporto Analisi dei Settori Industriali.

Gregorio De Felice, Chief Economist della Direzione, ha introdotto e moderato l’incontro.

Presentazione

Presentazione

{"toolbar":[]}