{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

A Milano “Fashion & Design Open Innovation Day”, appuntamento per imprese e investitori sugli sviluppi e tendenze del settore

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

INTESA SANPAOLO PRESENTA LE TECNOLOGIE A CRESCITA ESPONENZIALE PER MODA E DESIGN

 

              L’edizione 2015 di StartUp Initiative con le migliori startup per i settori del lusso, della moda e del design

 

              Secondo la Direzione Studi e Ricerche della Banca, per Fashion e Design è già arrivata la ripresa: +3% fatturato 2014

 

Milano, 12 marzo 2015 – Piattaforme e-commerce, comunità di artigiani, consumi collaborativi, community per shopping e viaggi e molto altro ancora.

Intesa Sanpaolo presenta le startup più innovative nei settori del lusso, della moda e del design in occasione di StartUp Initiative “Fashion & Design Open Innovation Day”, appuntamento interamente dedicato alla scoperta di tecnologie ad elevato potenziale di crescita.

L’incontro è infatti rivolto a imprese e investitori che desiderano conoscere gli ultimi sviluppi tecnologici e le tendenze del settore ed acquisire vantaggi competitivi in un mercato in costante evoluzione.

 

Ad apertura dei lavori è stato illustrato lo scenario economico del comparto Fashion & Design, realizzato a cura della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

Dalle stime elaborate emerge con evidenza la grande capacità di recupero delle aziende italiane: per il settore infatti la ripresa è già avvenuta nel corso del 2014, con una crescita del fatturato pari a poco meno del 3%, grazie al contributo della componente estera.

Lo scenario internazionale del 2015 rimane favorevole alle aziende del settore, tra le più beneficiate dalla svalutazione dell’euro, in particolare sul mercato USA dove già nel 2014 le imprese italiane hanno conquistato nuovi spazi di mercato: secondo i dati dell’”US Census Bureau”, le importazioni americane di Fashion&Design dall’Italia sono cresciute del 9,6%, un ritmo nettamente superiore rispetto a quanto registrato dagli altri competitor (+4%).

L’importanza delle nuove tecnologie si sta rivelando dunque decisiva per la crescita dimensionale e le imprese italiane della Moda e del Design appaiono ben posizionate per cogliere queste opportunità, con un’attenzione che andrà rivolta soprattutto a rafforzare la spinta verso i nuovi consumatori mondiali.

 

Nel corso della giornata 8 giovani imprese (5 italiane e 3 straniere) hanno presentato i loro progetti a una platea di investitori composta da fondi d’investimento, Business Angels, Venture Capital, istituzioni e aziende. Ecco di seguito i profili delle startup protagoniste:

 

1.            DIS – Design Italian Shoes (MC): piattaforma di e-commerce di scarpe maschili di alta qualità, personalizzabili online dal cliente fin nel minimo dettaglio, 100% made in Italy;

2.            Rentez-Vous (Londra): primo mercato di abiti a nolo che permette alle donne di non indossare mai lo stesso vestito e al tempo stesso di valorizzare il proprio guardaroba;

3.            Hekatè (VR): piattaforma online che consente al cliente di creare e acquistare una crema cosmetica personalizzata di alta qualità e dermatologicamente testata;

4.            Modist (Toronto – Canada): piattaforma per presentare ai consumatori contenuti di marketing, editoriali e social con l’obiettivo di influenzarne le scelte d’acquisto durante lo shopping;

5.            Thingarage (Roma): piattaforma per condividere prodotti di design già pronti per la stampa 3D, dedicata alle PMI che intendono esternalizzare le attività di R&S;

6.            Molopolo (NA): brand di capi innovativi dotati di bottoni intercambiabili e device tecnologici indossabili;

7.            Quattrocento Eyewear (MI): marchio di occhiali disegnati a mano, unici nel loro genere e ad un prezzo accessibile, con l’obiettivo di preservare una comunità di artigiani italiani;

8.            Pinktrotters (Londra): community online e offline di donne che condividono eventi e viaggi esclusivi, alimentata da brand del lusso e della moda.

 

 

 

Start-Up Initiative è la piattaforma di accelerazione internazionale del Gruppo Intesa Sanpaolo che seleziona promettenti start-up high-tech, le prepara al confronto con il mercato e con potenziali investitori e partners industriali. Fin dalla sua nascita nel 2009, il programma ha sviluppato un forte track record: 76 forum di investimento in 6 paesi (IT, UK, DE, FR, US, IL) articolati in 9 cluster tecnologici e settori industriali (Digital & Mobile; Biotech & Healthcare; Cleantech; Nanotech & Materials; Social Ventures; FoodTech; Fashion & Design; Automotive & Transportation; Building & Construction), che hanno fatto incontrare più di 540 startup con circa 6.500 investitori, imprese e operatori dell’ecosistema dell'innovazione. I nostri alumni hanno raccolto complessivamente finanziamenti per oltre 55 M€.

 

 

 

 

 

Per informazioni

 

Intesa Sanpaolo

Ufficio Media Corporate & Investment Banking and International Media

+39 02/87962489

stampa@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}