{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD","clientIDSh":"9e04155b-dc20-4ad8-b40b-5d4c665631f2","signatureSh":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryptionSh":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyIDSh":"72a8b4f5-7fbb-427b-9006-4baf6afba018","userSh":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Gallerie d’Italia - Vicenza: luogo di arte e cultura

L'immagine che parla della della sede delle Gallerie d'Italia di Vicenza, ritrae uno scorcio dell'arco di ingresso al cortile interno di Palazzo Leoni Montanari a Vicenza, sede delle Gallerie d'Italia della Banca nella città

Le Gallerie d’Italia di Vicenza hanno sede a Palazzo Leoni Montanari, una sontuosa residenza della fine del 1600, posizionata nel cuore della città che è stata dimora di diverse famiglie nobili fino al 1800 e oggi fa parte del patrimonio storico-artistico del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Grazie a prestiti e scambi con le principali istituzioni museali nazionali e internazionali, Palazzo Leoni Montanari ospita mostre temporanee curate secondo progetti scientifici originali, oltre ad esposizioni permanenti come il nuovo allestimento immersivo dedicato alla collezione di icone russe - ritenuta una delle più importanti in Occidente – e una raccolta d’arte del Settecento Veneto - con dipinti di Canaletto, Guardi, Longhi e Carlevarijs.

Le Gallerie di Palazzo Leone Montanari, prima sede delle Gallerie d’Italia, rappresentano un punto di riferimento culturale per il territorio con una ricca agenda di eventi, anche in collaborazione con prestigiose istituzioni locali, nazionali e internazionali. Nella sede di Vicenza, particolare rilievo viene dato alla diffusione della cultura musicale, spesso in collegamento ideale, per tema o epoca, con le opere esposte.

“Le trecce di Faustina. Acconciature, donne e potere nel Rinascimento”
L’immagine che accompagna la News sulla mostra “Le trecce di Faustina. Acconciature, donne e potere nel Rinascimento” Gallerie d’Italia-Vicenza, ritrae un particolare dell’opera di Giovanni Bellini “Sacra Conversazione Renier” (Madonna con il Bambino tra le sante Caterina d’Alessandria [?] e Maddalena)

Originale mostra dedicata alle acconciature femminili del Quattro e Cinquecento, alle possibilità artistiche che hanno offerto e alla loro importanza nella società e nella moda italiana. Il Il titolo dell’esposizione richiama una delle acconciature più spettacolari e famose, quella dell’imperatrice Faustina Maggiore, moglie di Antonino Pio.

Giovanni Bellini - (Venezia, 1430 circa-1516) - Sacra Conversazione Renier (Madonna con il Bambino tra le sante Caterina d’Alessandria [?] e Maddalena), (particolare) - 1488 circa - Venezia, Gallerie dell’Accademia - ©G.A.VE - Archivio fotografico – “su concessione del Ministero della Cultura”

{"toolbar":[]}