{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Cultura

La Milanesiana, eventi culturali in città

Il graduale ritorno alla normalità passa anche dagli appuntamenti culturali che scandiscono la nostra estate italiana. È il caso de La Milanesiana, il festival ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi, che Intesa Sanpaolo sostiene per il sesto anno consecutivo in qualità di main sponsor, e che quest’anno non si piega al Covid offrendo, per la sua 21esima edizione, un carnet davvero ricco di iniziative culturali.  

Tre eventi in streaming hanno anticipato l’inizio ufficiale della manifestazione, che si è aperta il 29 giugno, e chiuderà il 6 agosto, con eventi dedicati a Letteratura, Musica, Cinema, Scienza, Filosofia, Teatro, Diritto, Economia. Il programma prevede in contemporanea anche una sezione dedicata all’Arte, con 5 mostre che termineranno in autunno.

Nel rispetto del distanziamento sociale verranno proposti sia eventi culturali in luoghi all’aperto, sia appuntamenti da seguire in streaming come quelli previsti a fine luglio in collaborazione con Intesa Sanpaolo: il 28 luglio “Il respiro della musica e della poesia”, una riflessione su Giorgio De Chirico con la lettura da Memorie della mia vita di De Chirico, e il 29 luglio “I confini d’Italia. A partire da Dante”, in occasione della candidatura di Gorizia a capitale europea della cultura 2025.

Quest’anno il tema, che è stato scelto dal saggista e scrittore Claudio Magris, è “I colori”. Come ha commentato la stessa Sgarbi, “mai tema è stato in più aperta contraddizione con i tempi che stiamo vivendo”.

Il tourbillon di oltre 40 incontri, 115 ospiti italiani e internazionali, 5 mostre in 12 città, avrà come sempre Milano al centro (nel capoluogo lombardo La Milanesiana debutterà ufficialmente il 1° luglio nel cortile del Castello Sforzesco), ma in Lombardia toccherà anche Pavia, Monza, Bormio e farà tappa a Casalpusterlengo, in una provincia – quella di Lodi – che è diventata suo malgrado uno dei luoghi simbolo della pandemia.

Il festival si allargherà poi in Romagna, con le piazze e i teatri all’aperto di Santarcangelo di Romagna, Forlimpopoli, Gatteo a Mare, Cervia-Milano Marittima. Inoltre, raggiungerà Ascoli Piceno, Villafranca di Verona e Napoli. Per dirla ancora con le parole della sua direttrice artistica, La Milanesiana “viaggia in Italia e si colora dei luoghi che tocca”.



{"toolbar":[]}