{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD","clientIDSh":"9e04155b-dc20-4ad8-b40b-5d4c665631f2","signatureSh":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryptionSh":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyIDSh":"72a8b4f5-7fbb-427b-9006-4baf6afba018","userSh":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Cultura

Fondazione TPE porta David Harrower in scena

Una nuova produzione TPE – Teatro Piemonte Europa

La Fondazione TPE – Teatro Piemonte Europa è una realtà torinese riconosciuta dal Ministero come di Rilevante Interesse Culturale per il cospicuo impegno produttivo nell’ambito del teatro di ricerca e di innovazione, con un cartellone di produzioni originali realizzato, anche, attraverso collaborazioni di rete con le più prestigiose realtà teatrali italiane ed europee.
È un’incursione in Area X la prima italiana di “Ciara. La donna gigante” del drammaturgo scozzese David Harrower, da martedì 22 marzo a domenica 3 aprile 2022.
Presentata in anteprima al Traverse Theatre di Edimburgo nell’agosto 2013, in questa nuova versione scenica la regista torinese Elena Serra si affida al talento di Roberta Caronia, attrice tra le più versatili e popolari della scena teatrale italiana e già protagonista di produzioni TPE come Giulietta di Federico Fellini e Il berretto a sonagli di Luigi Pirandello, entrambe dirette da Valter Malosti.
La realizzazione di “CIARA. La donna gigante” segna un’importante tassello nella collaborazione con il Gruppo Intesa Sanpaolo perché per la prima volta uno spettacolo viene ideato e sviluppato considerando le specificità del luogo, nella scenografia di Jacopo Valsania pensata come vera e propria opera d’arte in tensione emotiva e dalla presenza del progetto video “Portrait” firmato da Donato Sansone.
Area X si trasforma in un site-specific diventando parte attiva del racconto scenico, in cui anche il pubblico viene chiamato ad essere “parte in causa”, offrendo un aspetto esperienziale unico e innovativo.

La trama

Ciara è una donna determinata e sensibile. Dirige con successo una piccola galleria d’arte contemporanea a Glasgow anche grazie alla sua capacità di mantenere relazioni con l’alta borghesia della sua città e un rapporto autentico e profondo coi suoi artisti. Ma Ciara è anche figlia di un importante gangster, moglie di un criminale in ascesa e sorella di un tossicomane alla deriva.
Il testo attraversa le contraddizioni della protagonista presentando i personaggi e gli avvenimenti attraverso la lente del suo rapporto violento e travolgente con gli uomini della sua vita e in particolare con il grande pittore decaduto che lei riporta agli onori della cronaca, Alan Torrence.
Ne emerge una figura epica intimamente contesa tra la tensione salvifica dell’arte e l’eredità della colpa incancellabile dei padri che ricade sui figli. La nemesi storica si incarna in Ciara suo malgrado, sullo sfondo di una città che le fa da specchio, infiltrata dalla mafia, pervasa da una ricchezza esibita di pochi e dall’invidia violenta di molti.
Al performer Isacco Venturini è affidato il compito di formalizzare gli aspetti sottointesi e ineffabili di cui il testo si nutre.
 

Maggiori informazioni

Dal 22 marzo al 3 aprile
Area X, via San Francesco d’Assisi 12 Torino

Martedì, giovedì, venerdì e sabato ore 21.00
Mercoledì ore 19.30
Domenica ore 17.00

Info, biglietti e carnet: www.fondazionetpe.it
Biglietteria Teatro Astra, via Rosolino Pilo 6, Torino, 011 / 5634352.
Dal martedì al sabato h. 16-19 e un’ora prima degli spettacoli.
 

Potrebbe interessarti anche

Ecco alcune iniziative per la valorizzazione dei patrimoni d'arte, di storia e di cultura della banca e del Paese.

{"toolbar":[]}