{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Innovazione

Smart Mobility d'eccellenza a Torino

Dal 20 luglio parte la nuova edizione del Techstars Smart Mobility Accelerator.

Il primo programma di accelerazione di startup in Europa dedicato alla Smart Mobility, frutto della collaborazione tra Techstars, Intesa Sanpaolo Innovation Center, Fondazione Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT. Anche per quest’anno il focus sarà la ricerca di servizi e soluzioni innovative riguardo la circolazione di persone, merci e dati, nell’ambito delle Smart Cities, Smart Infrastructures e Smart Environments.


Le candidature saranno aperte fino all’11 ottobre 2020, il programma si terrà dal 25 gennaio al 22 aprile 2021. Per candidarsi il form è disponibile qui.

 

Techstars Smart Mobility Program

Grazie a Intesa Sanpaolo Innovation Center, società del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicata all'innovazione e promotrice della collaborazione tra Torino City Lab e Techstars, il capoluogo piemontese con la sua infrastruttura 'smart road', è diventato un'area test per la realizzazione dei progetti che riguarderanno gli spostamenti del futuro. L’iniziativa si inquadra nel più ampio “programma di accelerazione” che ha fatto del capoluogo piemontese una capitale internazionale delle startup e della Smart Mobility, che non significa solo trasporto, ma anche integrazione delle informazioni, riduzione dell’inquinamento e salvaguardia dell’ambiente, coinvolgendo lo sviluppo di Internet of things, mobilità aerea, sicurezza, gestione in real time delle informazioni, realtà virtuale e tecnologie ed infrastrutture per le smart city.

Ai nastri di partenza nella sede OGR Tech, a fianco del grattacielo che ospita la sede torinese di Intesa Sanpaolo, il 27 gennaio scorso si erano trovate 11 startup selezionate tra le molte che avevano risposto alla call per partecipare al primo “Techstars Smart Mobility Program" da 55 Paesi, dall’Italia alla Germania, dal Regno Unito agli Stati Uniti, fino a Canada, Israele, Emirati Arabi, Singapore, India e Russia.

Il programma di accelerazione nasce dalla partnership di tre anni siglata tra Intesa Sanpaolo Innovation Center, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Techstars, società statunitense – terza a livello mondiale nel suo settore - che ha già accompagnato e supportato, non solo finanziariamente, oltre 1.600 nuove imprese a livello internazionale. 

Dopo solo tre mesi dall’avvio  della prima delle tre classi previste dal programma il mondo è profondamente cambiato a causa della pandemia del Coronavirus che ha obbligato tutti i partecipanti a proseguire in modalità digitale. Questo non ha però impedito il successo dell’iniziativa che ha portato all'individuazione delle 11 iniziative meritevoli di un investimento in equity e di essere accompagnate sulla strada dello sviluppo delle loro attività, affiancate nel loro percorso da 100 mentor.

Smart Mobility Gruppo degli Startupper

Quattro di esse hanno l’obiettivo di sviluppare tecnologie per migliorare la sostenibilità della mobilità in città e porteranno avanti i loro progetti in collaborazione con alcune aziende di Torino, assicurando così alla città non solo la visibilità internazionale dell’evento ma anche i concreti vantaggi dell’applicazione di queste attività innovative.

Le quattro startup sono:

·         Automotus con sede a Los Angeles, che segue il progetto Complete Curb Management, un software di analisi che funziona con telecamere che catturano le immagini dei parcheggi e del traffico stradale per acquisire dati e monitorare tutte le forme di mobilità. La startup realizzerà un test che prevede l'integrazione del software con una telecamera già esistente gestita da 5T - società del Comune di Torino per la fornitura di servizi di infomobilità.

·         Urban SDK, anch’essa americana, con il suo progetto Mobility Data Platform for Smart Citiesche trasforma le operazioni di mobilità, trasporto, sostenibilità e sicurezza attraverso strumenti di analisi real time. Anche Urban SDK sarà accompagnata da 5T come partner di Torino City Lab e dalla società di trasporto pubblico locale GTT.

·         Parkofon, sempre statunitense, che ha presentato il progetto SPOT Smart Parking On-demand Technology. Si tratta di una piattaforma intelligente di gestione parcheggi e sosta che elimina parchimetri e sensori statici. Incorporato all'interno delle auto con un transponder di navigazione a basso costo, Parkofon guida gli utenti verso parcheggi liberi, consente prenotazioni e pagamenti automatizzati e informa i proprietari dei veicoli elettrici sulle stazioni di ricarica nelle vicinanze. Parkofon sarà accompagnata da 5T e da GTT . Il Comune di Torino, attraverso il proprio Dipartimento Mobilità, valuterà le attività.

·         PowerMarket, startup con sede ad Oxford, in Gran Bretagna, che ha sviluppato il PowerMarket for Smart Cities and Smart Grids, piattaforma per localizzare con dati satellitari i migliori siti per impianti a energia solare identificando l’impatto finanziario e ambientale. Durante la fase di test, sarà supportata da IREN s.p.a., che gestisce edifici pubblici e relativi impianti elettrici a Torino e Partner di Torino City Lab.

Le altre 7 startup che hanno preso parte a questa prima classe del progetto - durante il quale tutte hanno avuto l’opportunità di incontrare, in apposite sessioni, rappresentanti dei partner dell’iniziativa, della Municipalità Torinese e di alcune aziende locali - sono GetHenry (Germania), Go-to-U (Ucraina, USA), Nickelytics (USA), TUC Technology (Italia), Think Outside (Norvegia), V2X (Germany), We Glad (Italia). Il 23 aprile, in occasione del Virtual Demo Day, ognuna di loro ha potuto presentare il suo business a investitori, aziende e istituzioni collegati in rete.

Nel corso dell’evento, tra l’altro, è stato anche presentato l’ Innovation Trend Report dedicato alla Smart Mobility, redatto dalla struttura di Intesa Sanpaolo Innovation Center dedicata alla rilevazione e analisi dei trend di innovazione tecnologica e industriale e dei comportamenti di consumo, dei macro cambiamenti ambientali, sociali e culturali (un estratto del report si può scaricare qui

Anche noi, come Techstars, vogliamo essere degli acceleratori capaci di offrire a startup e imprese l'opportunità di sperimentare innovazione snellendo autorizzazioni e procedure burocratiche – spiega l’Assessore all’Innovazione della Città di Torino Marco Pironti -. In questo momento storico innovare in ambito di mobilità urbana è ancora più importante per le città ed è per tale motivo che siamo molto contenti di contribuire con entusiasmo a questi quattro nuovi progetti.

Iniziative come questa sono tasselli essenziali di quello che significa ‘fare ecosistema’, perché mettono in dialogo e in collaborazione un Assessore competente e determinato come Marco Pironti, uno dei primi tre acceleratori al mondo come Techstars, startup innovative e già tecnologicamente evolute, una Banca motore della crescita del Paese come Intesa Sanpaolo e il suo Innovation Center – afferma Maurizio Montagnese, Presidente di Intesa Sanpaolo Innovation Center. Sono tutti componenti necessari per lo sviluppo dell’ecosistema dell’innovazione, ma non sufficienti se rimangono separati, come pezzi di un puzzle incompleto. Metterli assieme per un disegno comune, per un progetto condiviso, è parte della nostra mission, così come ricercare e apprendere nuovi modelli di business e fungere da propulsore e stimolo della nuova economia in Italia. Questo è il mandato che abbiamo ricevuto dal CEO della nostra Capogruppo Carlo Messina.

Intesa Sanpaolo per l'innovazione

Ecco alcune iniziative che sosteniamo per promuovere la cultura dell'innovazione e supportare nuove forme di economia nel Paese

{"toolbar":[]}