{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD","clientIDSh":"9e04155b-dc20-4ad8-b40b-5d4c665631f2","signatureSh":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryptionSh":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyIDSh":"72a8b4f5-7fbb-427b-9006-4baf6afba018","userSh":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Innovazione

Dalla Smart Mobility alla Smart City: Torino cambia con Techstars

Torino Piazza Vittorio Veneto illuminata di notte
Torino Piazza Vittorio Veneto illuminata di notte

Il Techstars Smart Mobility Accelerator si evolve e diventa Torino - Cities of the Future Techstars Accelerator, il primo acceleratore in Italia dedicato a prodotti e servizi per le Smart Cities. L’ecosistema torinese cresce, arricchendosi di collaborazioni e progetti

Un contesto dinamico per l'avvio di un nuovo programma

A gennaio 2022 è partito Torino - Cities of the Future Techstars Accelerator, finalmente di nuovo in presenza negli spazi delle OGR a Torino. Una città al centro di un ecosistema ormai riconosciuto a livello internazionale come attrattivo per le tecnologie emergenti.

Le ragioni di questo ampliamento sono molteplici e soprattutto coerenti con i trend evolutivi che stanno investendo le nostre città. Secondo le Nazioni Unite infatti, entro il 2050 il 68% della popolazione mondiale vivrà nelle aree urbane: quest’ultime dovranno dunque trovare nuove soluzioni per il traffico, le abitazioni, le risorse energetiche, le infrastrutture e la qualità della vita. La sovrappopolazione e le urgenze climatiche ci costringono a trasformare le nostre città in ambienti più vivibili, sostenibili e inclusivi. 

Il programma di accelerazione è terminato con il Demo Day del 21 aprile e riprenderà nel 2023

Si è ufficialmente conclusa la terza edizione del programma di accelerazione Torino Cities of the Future Techstars Accelerator. La classe 2022 ha visto coinvolte 12 aziende da tutto il mondo con focus su soluzioni innovative per migliorare trasporti, abitazioni, efficientamento energetico, infrastrutture e servizi di base come istruzione e assistenza sanitaria.

Dopo due edizioni svolte in piena pandemia, quest'anno il Demo Day del 21 aprile si è svolto per la prima volta in presenza alle OGR di Torino. Tra gli altri, hanno partecipato molti colleghi delle diverse Divisioni e Aree di governo del Gruppo, manifestando apprezzamento e rinnovata attenzione verso il progetto. L'evento è stato l'occasione per i partecipanti alla terza classe di incontrare gli stakeholder più rilevanti dell'ecosistema innovativo torinese. L'incontro arriva a seguito di 13 intense settimane di lavoro a stretto contatto con i mentor.

Durante la cerimonia sono intervenuti anche i tre Partner Liason del Programma: Valentina Berbotto per Intesa Sanpaolo Innovation CenterMichele Osella per Fondazione Compagnia di San Paolo e Massimo Bottin per Fondazione CRT.

Le startup che hanno preso parte a Torino - Cities of the Future Techstars Accelerator 2022

Family+Happy

La terza edizione del programma ha previsto l'accelerazione di una classe composta da 12 startup ad alto potenziale di crescita, provenienti principalmente da paesi europei e culminata nel Demo Day del 21 aprile.

Tre le imprese italiane selezionate, tutte con sede a Torino, a conferma della vivacità dell’ecosistema locale: si tratta di Family+Happy, che ha ideato un servizio su misura per la selezione di babysitter certificate; Strategic BIM, che propone la gestione digitale e in remoto di grandi edifici e di Gymnasio, che ha sviluppato una tecnologia per il fitness domestico.

Strategic BIM

Accanto alle imprese italiane hanno partecipato la svizzera HivePower e la francese Voltaage, entrambe con team italiano, l’ucraina Inputsoft, le inglesi LawyerdOptimiz e X Works, la tedesca Natix, la rumena Nrgi, l’ungherese Volteum, impegnate in settori quali energy, trasporto aereo, mobilità e gestione del copyright.

Gymnasio

Questa classe presenta un grande varietà di tecnologie, team giovani e molto motivati, 4 donne CEO e 5 startup su 12 con membri di origine italiana. Martin Olzyck, Managing Director di Techstars Cities of the Future Accelerator, afferma di aver incontrato in fase di selezione dozzine di startup provenienti da città italiane: questo testimonia come nel nostro Paese finalmente le cose stiano cambiando e ci sia un gran fermento in ambito innovazione.

Torino come Smart City: un ecosistema in crescita

In questi ultimi anni Intesa Sanpaolo Innovation Center, in collaborazione con gli stakeholder del territorio, ha dato vita a diverse iniziative a supporto della crescita dell’ecosistema locale, sperimentando nuove tecnologie e favorendo l’open innovation, non solo attraverso il programma di accelerazione di Techstars, ma anche attraverso la stretta collaborazione con la Municipalità e le proprie aziende clienti.

Torino City Lab è il progetto della Città di Torino nato per favorire le sperimentazioni tecnologiche di partner pubblici e privati sul futuro della mobilità autonoma, del trasporto con droni, della connessione 5G e la robotica; grazie alla collaborazione con Intesa Sanpaolo Innovation Center e il programma Smart Mobility di Techstars, sono state avviate 7 collaborazioni sul territorio cittadino. Tra queste citiamo quella con la startup Wiseair, che ha installato nell’area urbana i suoi sensori per monitorare la qualità dell’aria, e quella con Latitudo 40, che sta mappando e analizzando i tetti piani di Torino per installarvi successivamente pannelli fotovoltaici. Sempre Latitudo 40 sta eseguendo una accurata analisi dei letti dei fiumi e la loro evoluzione nel tempo; altre applicazioni riguarderanno il monitoraggio dei confini dei boschi collinari e l’individuazione di residui d’amianto tramite l'utilizzo di satelliti.

CTE-Next, Casa delle Tecnologie Emergenti, un progetto quadriennale della Città di Torino supportato dal MISE, che anche attraverso uno spazio fisico e infrastrutture intelligenti favorisce l’attrazione di start-up e il trasferimento tecnologico verso le PMI. In collaborazione con partner Corporate e Università, le sperimentazioni tecnologiche avverranno in un ambiente ultra-connesso che favorirà lo sviluppo di prototipi in ambito Smart Road, Urban Air Mobility, Industry 4.0 e Servizi Urbani Innovativi. Le startup, candidandosi alle challenge che verranno promosse dalla Città, potranno beneficiare di fondi pubblici a supporto dei progetti. 

Genome Startup Ecosystem Report 2021, il report internazionale sugli ecosistemi dell’innovazione, pubblicato annualmente dalla società di consulenza Startup Genome, che nella nuova edizione del 22 settembre 2021 analizza l’ecosistema di Torino, unica città italiana inserita nel ranking  internazionale del report.

Ricordiamo infine che si sono insediate sul territorio italiano due aziende della classe 2020: l’americana Sheeva AI a Torino e la tedesca GetHenry a Milano. La napoletana Latitudo 40 della classe 2021 ha aperto un ufficio a Torino presso l’incubatore del Politecnico I3P per favorire le collaborazioni con il territorio locale.

La precedente edizione 2021

Torino si è prestata da subito con la propria struttura “smart road” come area test d’elezione per la realizzazione di progetti che hanno riguardato inizialmente gli spostamenti del futuro. Una vera e propria capitale internazionale delle startup, in cui l’incontro e lo scambio di idee ha consentito l’importante evoluzione del programma Techstars.  

Il Techstars Smart Mobility Accelerator 2021, il primo programma di accelerazione di startup in Europa, inizialmente dedicato alla Smart Mobility è nato dalla collaborazione tra Techstars, società statunitense – terza a livello mondiale nel suo settore - Intesa Sanpaolo Innovation Center, Fondazione Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT.

Ecco i numeri della scorsa edizione: 

  • -    54 paesi rappresentati nel programma
  • -    12 startup di cui 4 italiane
  • -    150 mentor da tutto il mondo
  • -    5 settori industriali
  • -    110 mentor hanno partecipato a 120 incontri one to one
  • -    1320 incontri in totale

Uno dei punti di forza del percorso offerto alle startup è stata l’opportunità di avere a disposizione numerosi mentor – esperti investitori e imprenditori – da tutto il mondo, con cui poter dialogare e da cui poter ricevere preziosi consigli. 

Trend di innovazione nell'universo della smart mobility

Quali sono i trend di innovazione tecnologica e industriale e dei comportamenti di consumo? Di questo e di macro cambiamenti ambientali, sociali e culturali si occupa Intesa Sanpaolo Innovation Center  che ha pubblicato l’Innovation Trend Report dedicato alla Smart Mobility.

Iniziative come questa sono tasselli essenziali di quello che significa ‘fare ecosistema’, perché mettono in dialogo e in collaborazione un Assessore competente e determinato come Marco Pironti, uno dei primi tre acceleratori al mondo come Techstars, startup innovative e già tecnologicamente evolute, una Banca motore della crescita del Paese come Intesa Sanpaolo e il suo Innovation. Sono tutti componenti necessari per lo sviluppo dell’ecosistema dell’innovazione, ma non sufficienti se rimangono separati, come pezzi di un puzzle incompleto. Metterli assieme per un disegno comune, per un progetto condiviso, è parte della nostra mission, così come ricercare e apprendere nuovi modelli di business e fungere da propulsore e stimolo della nuova economia in Italia. Questo è il mandato che abbiamo ricevuto dal CEO della nostra Capogruppo Carlo Messina.

 

Maurizio Montagnese, Presidente di Intesa Sanpaolo Innovation Center

Intesa Sanpaolo per l'innovazione

Ecco alcune iniziative che sosteniamo per promuovere la cultura dell'innovazione e supportare nuove forme di economia nel Paese

{"toolbar":[]}