{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD","clientIDSh":"9e04155b-dc20-4ad8-b40b-5d4c665631f2","signatureSh":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryptionSh":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyIDSh":"72a8b4f5-7fbb-427b-9006-4baf6afba018","userSh":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Emissioni gas a effetto serra

Le emissioni in atmosfera dei gas ad effetto serra derivanti dai residui da combustione si riducono ogni qual volta le innovazioni tecnologiche legate all’ammodernamento dell’impiantistica creano sistemi energeticamente più efficienti.   

Alcuni gas, di origine naturale o prodotti dall’industria chimica, sono in grado di intrappolare nell’atmosfera una parte di energia solare provocando un riscaldamento dell’aria: sono i cosiddetti  “gas a effetto serra”. Tra quelli maggiormente dannosi per l'ambiente vi sono il biossido di carbonio (CO2), il metano (CH4), il protossido di azoto (N2O) e gli idrofluorocarburi (HFC).

Il Gruppo Intesa Sanpaolo da tempo persegue una sistematica progressiva riduzione delle proprie emissioni e della propria impronta ecologica attraverso l’adozione di varie iniziative: 

  • Acquisto di energia elettrica da fonti rinnovabili con l’ottimizzazione dei consumi in termini di efficienza energetica e gestione responsabile delle risorse per ridurre l’impatto generato sull’ambiente
  • Sviluppo di iniziative di mobility management per ridurre le emissioni dovute agli spostamenti
  • Promozione di prodotti e servizi volti alla tutela dell’ambiente
  • Valutazione dei rischi ambientali connessi ai finanziamenti alle imprese di clienti
  • Partecipazione a importanti iniziative e collaborazione con diversi organismi internazionali per promuovere il dialogo fra imprese, organismi e sviluppare linee guida per la sostenibilità
  • Continua formazione dei collaboratori.

Nel 2017 è stato predisposto un Piano Pluriennale di Sostenibilità Ambientale – Climate Change Action Plan – con obiettivi al 2022 e al 2037. Nel Piano il Gruppo Intesa Sanpaolo declina obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2, legate alle proprie attività, prendendo come anno di riferimento il 2012.

A dimostrazione dell'importanza strategica del cambiamento climatico, nel 2021 Intesa Sanpaolo si è posta l'obiettivo di arrivare a zero emissioni nette entro il 2050 con riferimento sia alle proprie emissioni che a quelle relative ai portafogli prestiti e investimenti, per l'asset management e all'attività assicurativa, aderendo alle iniziative lanciate da UNEP FI, in particolare alla Net-Zero Banking Alliance (NZBA), alla Net Zero Asset Managers Initiative (NZAMI), tramite Eurizon Capital SGR, Fideuram Asset Management SGR e Fideuram Asset Management Ireland, alla Net-Zero Asset Owner Alliance (NZAOA) ed alla Net-Zero Insurance Alliance (NZIA) tramite Intesa Sanpaolo Vita.

L’impegno della Banca per il contenimento delle emissioni di CO2 si concretizza nella realizzazione del nuovo piano Own Emissions Plan che identifica specifiche azioni di medio-lungo termine volte alla riduzione dei propri consumi di gas naturale, gasolio ed energia elettrica tradizionale. 

In questa sezione sono riepilogate le emissioni dei principali gas serra prodotti da Intesa Sanpaolo ed i fattori di trasformazione utilizzati per il calcolo delle stesse. Sono inoltre riportati: il monitoraggio annuale delle azioni di riduzione dei Piani ambientali ed i questionari CDP, organizzazione non profit che monitora le politiche e le performance energetiche delle imprese e la loro capacità di gestire le connesse opportunità economiche ed i rischi climatici.

Il punto di partenza a perimetro omogeneo (inclusa UBI Banca)

Tabella riepilogativa emissioni dirette e indirette di gas a effetto serra - tCO2

  Gruppo Intesa Sanpaolo
(incluso Gruppo UBI Banca)

  2019
2020 2021
  Gruppo Gruppo Gruppo
Scope1 60.391,63 49.950,65 49.629,99
Scope2 35.800,81 37.714,21 30.901,40
Scope3      
Carta 6.024,79 4.712,66 3.915,26
Macchine ufficio n.d. 36.103,68 16.066,48
Rifiuti 316,88 247,56 278,53
Business Travel 12.917,41 4.514,23 3.031,55
Employee Commuting (Italia) n.d. n.d. 54.275,33

Il triennio è stato riesposto per includere le emissioni complessive del Gruppo UBI Banca al fine di consentire un confronto omogeneo.

Own Emissions Plan

Gli obiettivi al 2030 dell'Own Emissions Plan

Scope Base
year

% delle emissioni
considerate rispetto
al totale dello Scope

Emissioni
base year
(tCO2eq)

Target
year
Target
riduzione
vs
base year
Risultato
2021
Scope 1+2
(Market based)
2019 100% 96.192 2030 -53% -16%
Scope 3
Carta
2019 100% 6.025 2030 -40% -35%

Inoltre, l’Own Emissions Plan prevede al 2030 l’acquisto del 100% di energia elettrica da fonti rinnovabili a livello di Gruppo (livello già raggiunto nel 2021 nelle filiali e palazzi con sede in Italia).

Climate Change Action Plan (risultati e target a perimetro omogeneo)

Nel 2017 è stato predisposto un Piano Pluriennale di Sostenibilità Ambientale – Climate Change Action Plan – con obiettivi al 2022 e al 2037, che faceva seguito ad altri Piani lanciati a partire dal 2009. Nel Piano il Gruppo Intesa Sanpaolo declina obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2, legate alle proprie attività, prendendo come anno di riferimento il 2012. Il CCAP è stato sostituito nel 2022 dall’Own Emissions Plan, ma verrà rendicontato a tutto il 2022, primo target di medio termine previsto dal CCAP stesso.

A seguito dell’integrazione di UBI nel perimetro di Gruppo il Climate Change Action Plan è stato aggiornato nel 2020, con la ricostituzione della baseline 2012 e l’integrazione delle iniziative già previste da UBI con il conseguente aggiornamento anche sul nuovo perimetro degli obiettivi di riduzione delle emissioni, di medio e lungo periodo, previsti dal Piano iniziale.

A dimostrazione dell’impegno del Gruppo Intesa Sanpaolo, qui di seguito si evidenziano i target di medio e lungo periodo che il Gruppo si è dato all'interno del Climate Change Action Plan ed i risultati ottenuti, ricostruendo baseline e target con inclusa UBI. 


Gli obiettivi al 2022 e 2037 del CCAP (a perimetro omogeneo, includendo UBI Banca nel base e target year)

Scope Base
year
% delle emissioni
considerate rispetto
al totale dello Scope
Emissioni
base year considerate dai target
(tCO2eq)
Target 
year
Target 
riduzione
vs
base year
(*)
Risultato 2021
a fattori di emissione
invariati

Scope 1+2
(Market based)**
2012 100% 128.479 2022 -36% -40%
Scope 1+2
(Market based)**
2012
100%
128.479 2037 -42% -40%
Scope 1+2
(Location based)**
2012  89%
(Gas, Energia Elettrica)
305.322 2022 - 30%  -32%
Scope 1+2
(Location based)**
2012
 89%
(Gas, Energia Elettrica)
305.322 2037 -43% -32%
Scope 1+2
(Market based)**
2012
 71%
(Gas, Energia Elettrica)
 91.791 2022 -40% -39%
Scope 1+2
(Market based)**
2012
 71%
(Gas, Energia Elettrica)
91.791 2037 -48% -39%
Scope 1 2012 22%
(Flotta)
 16.051 2022 -30% -44%
Scope 3
Carta
2012 100% 21.069 2022 -30% -50%
Scope 3
Business Travel
2012 57%
(Treni, aerei)
10.281 2022 -35% -88%
Fonti rinnovabili
Base
year
Energia elettrica 
rinnovabile
base year (%)
Target 
year
Target
energia elettrica 
rinnovabile (%)
Risultato 2021
Consumo di energia elettrica da fonte rinnovabile
2012  80,4% 2022 84,0% 87,5%
Produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile (fotovoltaico)
2012 0,09%
2022 0,31% 0,31%

Acquisto di energia elettrica da fonte rinnovabile

2012 81,7%
2022 89,0% 87,7%

Rendicontazione

La rendicontazione delle emissioni è fondamentale per un monitoraggio costante e la definizione di un piano di riduzione delle stesse.

Inoltre, fin dal 2007 rispondiamo in maniera puntuale al questionario climate change del CDP, organizzazione non profit che annualmente realizza un assessment volto a valutare l'approccio alla mitigazione dei cambiamenti climatici. L'analisi si basa su dati e informazioni fornite dalle aziende, valutate su 4 livelli in una scala da A a D-. Nel 2021 Intesa Sanpaolo è stata inclusa nella leadership band, ottenendo il punteggio A-.

Archivio Questionari CDP Climate Change
Questionario CDP 2021
Questionario CDP 2020
Questionario CDP 2019
 
Questionario CDP 2018
Questionario CDP 2017
Questionario CDP 2016
Questionario CDP 2015
Questionario CDP 2014
Questionario CDP 2013
Questionario CDP 2012
Questionario CDP 2011
Questionario CDP 2010
Questionario CDP 2009
Questionario CDP 2008
Questionario CDP 2007
{"toolbar":[]}