{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Cultura

Torinodanza Festival 2020

Locandina Torinodanza Festival 2020

Intesa Sanpaolo sostiene Torinodanza Festival 2020, importante rassegna di danza contemporanea di respiro internazionale, dall’11 settembre al 23 ottobre.

Il Festival, realizzato dal Teatro Stabile di Torino, per il terzo anno sotto la direzione artistica di Anna Cremonini, proporrà un fitto palinsesto di eventi proseguendo la sua esplorazione del mondo attraverso le visioni e le sensibilità degli artisti e toccando punti fondamentali come l’attenzione verso l’altro, l’incontro con culture diverse e la tensione verso nuove forme di spiritualità.

Ad inaugurare il Festival, venerdì 11 settembre alle Fonderie Limone di Moncalieri, a partire dalle ore 20.45, FESTA!”, la creazione di Silvia Gribaudi sperimentata nel corso di diverse residenze artistiche realizzate nelle valli piemontesi, nell’ambito del progetto europeo “Alcotra Corpo Links Cluster”. Una forma di performance partecipativa vitale e poetica in cui gesto, ironia, musica e immagini concorrono.

Dimitris Papaioannou, Sidi Larbi Cherkaoui, Hofesh Shechter e nuovi volti come Honji Wang e Sébastien Ramirez, Alan Lucien Øyen, Aurélien Bory, Shantala Shivalingappa saranno i protagonisti internazionali della rassegna. Le “Signore della danza italiana” compongono un pezzo importante dell’edizione 2020 di Torinodanza Festival con nuove creazioni presentate in prima nazionale a Torino: Cristina Kristal Rizzo, Ambra Senatore, Silvia Gribaudi, Simona Bertozzi perché il sostegno alla coreografia femminile è non solo doveroso, ma necessario. Concludono il panorama coreografico italiano Marco Chenevier, Marco D’Agostin e un nuovo progetto, condiviso con lo Stabile che sostiene e promuove il talento di un teatro‐danza tutto da scoprire, quello di Alessio Maria Romano.

{"toolbar":[]}