{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Cultura

Sutri riparte da una nuova mostra d’arte

Apre la mostra curata da Vittorio Sgarbi con il supporto di Intesa Sanpaolo, partner unico dell’iniziativa

Il Paese lentamente torna alla normalità e riprendono anche le iniziative culturali. Così i capolavori dell’arte tornano ad accompagnare residenti e turisti a Sutri, la deliziosa cittadina del Viterbese che fa parte dell’associazione I Borghi più belli d’Italia. Dopo l’iniziativa dell’anno scorso Incontri a Sutri, Palazzo Doebbing apre le porte quest’anno a Luci e Ombre A Sutri - Da Mattia Preti a Fortunato Depero, una serie di micro mostre monografiche che spazieranno dal Seicento all’arte contemporanea.

La mostra ospiterà i visitatori dal 9 maggio al 10 gennaio dell’anno prossimo. Ideata dal celebre critico d’arte Vittorio Sgarbi, la realizzazione è stata resa possibile grazie al nostro supporto in qualità di partner unico.

Intesa Sanpaolo crede fortemente nel valore strategico che la cultura ha per il rilancio del Paese e nel ruolo chiave che riveste per la rinascita dei territori. In questa fase di ripartenza, la nostra banca continua a essere al fianco di imprese e famiglie, senza far mai mancare il proprio apporto alla valorizzazione culturale e artistica, e il sostegno a questa mostra ne è un’ulteriore conferma.

Pierluigi Monceri, Direttore Regionale Lazio e Abruzzo

Nelle stanze di Palazzo Doebbing le luminose invenzioni di artisti antichi e moderni

La mostra di Sutri è un viaggio nell’arte carico di suggestioni e mistero, meraviglia e stupore, tradizione e innovazione con opere di Mattia Preti, Casimiro e Lucio Piccolo, Julius Evola, Ottavio Mazzonis, Jean-Pierre Velly, Tullio Garbari, Fortunato Depero, Fausto Melotti, Agostino Arrivabene, Peter Demetz, Tiziana Rivoni e Nora Kersh.

 “Si guardano, nelle quiete stanze di Palazzo Doebbing a Sutri, le luminose invenzioni di artisti antichi e moderni secondo una formula collaudata nelle precedenti occasioni di dialoghi e incontri” commenta Vittorio Sgarbi raccontando il progetto espositivo. “Che si tratti di luci e ombre lo fa intendere la scelta del primo artista: Mattia Preti. La lezione di Caravaggio è in queste opere ancora molto viva. Il processo di Mattia Preti è evidente: mettere in scena Caravaggio, renderlo teatrale, in una premonizione del melodramma. Dall’altro capo del percorso troviamo Fortunato Depero. Il pittore futurista che più di tutti orientò le sue invenzioni nella direzione della promozione pubblicitaria”.

Intesa Sanpaolo per la cultura

Ecco alcune recenti iniziative per la valorizzazione dei patrimoni d'arte, di storia e di cultura della banca e del Paese

{"toolbar":[]}