{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Cultura

Grand Tour. Sogno d’Italia da Venezia a Pompei

La grande mostra-evento: un'occasione per un viaggio unico e senza tempo nel mito del "Bel Paese".

Presso le Gallerie d’Italia - Piazza Scala a Milano, a partire da venerdì 19 novembre e fino al 27 marzo 2022, è possibile ammirare - Grand Tour. Sogno d’Italia da Venezia a Pompei”, una mostra di eccezionale valore artistico, storico e identitario. Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, in partnership con il Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo e il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, l’esposizione è curata da Fernando Mazzocca con Stefano Grandesso, Francesco Leone e con il coordinamento generale di Gianfranco Brunelli.

SCOPRI IN ANTEPRIMA LA MOSTRA

Un viaggio unico e senza tempo nei suoi molteplici significati

François Gérard, Corinna al capo Miseno (particolare), 1819-1821, Lione, Musée des Beaux-Arts

Un’occasione speciale per ripercorrere le suggestioni e la struggente bellezza che il nostro “Bel Paese” ha saputo generare in molti viaggiatori, letterati, collezionisti ed artisti in  uno dei periodi di maggiore fermento artistico e culturale , che corrisponde  all’arco temporale a cavallo tra la fine del Seicento e la prima metà dell’Ottocento. In questo periodo l’Italia fu letteralmente e amorevolmente presa d’assalto.

Gesta romantiche di viaggiatori assetati di conoscenza con la luce della curiosità negli occhi, percorsi dissestati da affrontare con mezzi di trasporto precari e la costante minaccia del brigantaggio.

Intellettuali, artisti, collezionisti, esperti di scultura antica, giovani poeti, avventurieri, rampolli dell’alta società, letterati e nobili si riversarono da tutt’Europa in Italia, dalla Russia e in seguito anche dall’America. Il grande viaggio, presto denominato “Grand Tour”, cominciò a rappresentare una sorta di eterna raffigurazione nel centro idealizzato di una bellezza “classica”, capace di offrirsi geograficamente ovunque nelle sue multiformi espressioni naturalistiche, archeologiche e architettoniche di splendore. Un momento imprescindibile in un percorso educativo e formativo.

RIVEDI LA PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA

Un percorso espositivo che mette in dialogo dipinti, sculture e oggetti d'arte

Pierre-Jacques Volaire, Eruzione del Vesuvio alla luce della luna, post 1774, Maisons-Laffitte, Château de Maisons

Il percorso espositivo ci guida attraverso la rappresentazione iconica di grandi città, a partire dalla venerata Roma e da Venezia, Firenze e Napoli, passando poi per borghi intimi, paesaggi e fenomeni geologici di eccezionale impatto emotivo e scenografico, come le Alpi, il Vesuvio, l’Etna, Pompei ed Ercolano, fino alla narrazione di costumi e tradizioni popolari quali il carnevale, la musica e il teatro.

La mostra ha l’intento di restituire allo sguardo e all’animo del visitatore, in un fertile dialogo di rimando implicito con l’oggi, l’immagine di un’Italia come luogo di “sogno”.

Jean-Auguste-Dominique Ingres, François-Marius Granet (particolare), 1807-1809, Aix-en-Provence, Musée Granet

Un magnetismo senza tempo, contrassegnato da una sconvolgente creatività e da una spontanea, generosissima abitudine culturale all’accoglienza, intesa come spinta partecipativa verso un futuro di ottimismo e perenne rivalutazione storica delle proprie bellezze artistiche e socioculturali.

 

Opere d’inestimabile valore, alcune delle quali mai concesse in prestito prima d’ora. Dipinti, sculture, oggetti d’arte di varia natura materica ed espressiva che hanno rappresentato e reso omaggio al nostro Paese nel mondo.

"Capriccio digitale": un'affascinante esperienza immersiva

Un invito ad immergersi in un viaggio alla scoperta della bellezza dell'Italia che seduce, per rivivere le atmosfere e scoprire i protagonisti e le storie che hanno caratterizzato l'epoca del Grand Tour.

Entra nel capriccio digitale ed esplora l'ambiente virtuale

 

Potrebbe interessarti anche

Ecco alcune iniziative per la valorizzazione dei patrimoni d'arte, di storia e di cultura della banca e del Paese

{"toolbar":[]}