{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Cultura

Un museo sulla fotografia in Piazza San Carlo a Torino

Un nuovo progetto espositivo, le Gallerie d’Italia, in arrivo nel capoluogo piemontese.

In Piazza San Carlo, cuore di Torino, avanzano i lavori per aprire al pubblico la sede di Gallerie d’Italia, quarto museo di Intesa Sanpaolo, a fianco di Milano, Napoli e Vicenza. Entro aprile 2022 i torinesi e tutti gli italiani avranno a disposizione un nuovo spazio espositivo dedicato alla fotografia e al mondo digitale, nella prestigiosa sede di Palazzo Turinetti.

Novemila metri quadri a disposizione della grande fotografia italiana e internazionale

La nuova sede delle Gallerie d’Italia per gli scatti dell’Archivio Publifoto

©Filippo Bolognese

Il nuovo museo sarà uno spazio dove fotografia e video arte potranno esprimere il loro significato oltre il valore estetico, affrontando i temi cruciali della storia e della contemporaneità.

Esporrà una selezione di opere dalle collezioni della Banca, tra cui l’Archivio Publifoto, costituito da circa 7 milioni di scatti fotografici su eventi, personalità, luoghi realizzati dall’inizio degli anni Trenta agli anni Novanta del ‘900 e acquisito da Intesa Sanpaolo. A questo si aggiungerà un’attività di mostre temporanee di fotografi di respiro internazionale in sinergia con le istituzioni culturali italiane e straniere e con i principali eventi cittadini sostenuti dalla Banca.

Il progetto dell’architetto De Lucchi: un museo illuminato dall’alto

I lavori per il nuovo polo museale sono stati affidati a Michele De Lucchi, uno dei più noti architetti italiani che ha definito questa iniziativa come “un progetto del nostro Rinascimento”. L' architetto De Lucchi ha illustrato il suo progetto, che prevede un ampio scalone che scende nelle viscere della terra per condurre a un museo “illuminato dall’alto, come una cattedrale”. 

Non modifichiamo il ritmo delle finestrature o il susseguirsi delle arcate dei portici ma costruiamo uno scalone, uno scalone monumentale che non sale nei palazzi rinascimentali al piano nobile ma scende sotto, sotto la crosta del pianeta, in luoghi altrettanto carichi di straordinarietà e suggestione quanto quelli dei piani superiori.

Architetto Michele De Lucchi

De Lucchi spiega ancora che gli spazi sotterranei sono l’ideale per l’attività museale di fotografia e cinema, perché la luce esterna modifica in continuazione l’effetto espositivo ed è di difficile gestione anche dal punto di vista conservativo.

Palazzo Turinetti, dalla nuova urbanistica di Torino capitale alla sede legale del Gruppo Intesa Sanpaolo

Edificato nel Seicento dal Marchese Giorgio Turinetti di Priero, banchiere di Corte e Presidente delle Finanze del Ducato di Savoia, dal 1963 ha ospitato la Direzione dell’Istituto Sanpaolo di Torino e oggi è la sede legale del Gruppo Intesa Sanpaolo. Il Palazzo lega la propria storia al grande progetto per dare una nuova configurazione urbanistica e architettonica a Torino, divenuta capitale dopo che il duca Emanuele Filiberto di Savoia – al governo dal 1553 al 1580 – spostò la sede istituzionale dello Stato sabaudo da Chambéry a Torino, in seguito agli accordi sanciti dal trattato di Cateau-Cambrésis annunciato in Piemonte il 12 aprile 1559. 

Intesa Sanpaolo per la cultura

Ecco alcune recenti iniziative per la valorizzazione dei patrimoni d'arte, di storia e di cultura della banca e del Paese

{"toolbar":[]}